Mausoleo di Muhammad Allama Iqbal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mausoleo di Muhammad Allama Iqbal
Allama Iqbals Tomb East wall close-up July 1 2005.jpg
Localizzazione
StatoPakistan Pakistan
LocalitàLahore
Coordinate31°35′16.44″N 74°18′40.68″E / 31.5879°N 74.3113°E31.5879; 74.3113Coordinate: 31°35′16.44″N 74°18′40.68″E / 31.5879°N 74.3113°E31.5879; 74.3113
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Stilemoghul

La tomba di Allama Muhammad Iqbal, o Mazar-e-Iqbal (Urdu: مزار اقبال) è un mausoleo situato a Iqbal Park nella città pakistana di Lahore, capitale della provincia del Punjab.

Background[modifica | modifica wikitesto]

Iqbal è stato uno dei principali ispiratori del Movimento Pakistano, ed è venerato in Pakistan come Muffakir-e-Pakistan (Il Pensatore del Pakistan) o Shair-e-Mashriq (Il poeta d'Oriente).[1] Iqbal è morto il 21 aprile 1938 a Lahore, all'età di 60 anni. Il Mausoleo attira migliaia di visitatori ogni giorno che vi giungono per rendere omaggio al poeta-filosofo.[2] Si dice che Mustafa Kemal Atatürk ha Raccolto della terra dalla tomba di Maulana Rumi affinché venisse sparsa su questa tomba.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Subito dopo la morte di Iqbal nel mese di aprile 1938, fu formato un comitato che è stato presieduto da Chaudhary Mohammed Hussain.[3] La prima serie di progetti presentati da architetti illustri non era soddisfacente. Il comitato ha suggerito di innovare una nuova combinazione, piuttosto che a seguito di una specifica scuola di architettura. Il progetto definitivo, in tal modo, si staccò dalla tradizione Mughal e comprende una combinazione di architettura afghana e moresca.

Un problema importante nella realizzazione di questo monumento è stata una mancanza di fondi adeguati. Il comitato ha deliberato di non accettare eventuali donazioni dai governi locali e governanti statali, e così sono stati raccolti fondi attraverso i contributi di amici, ammiratori e discepoli di Iqbal.[4]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

L'architettura riflette una combinazione di stili afghane e arabe. La struttura è interamente costruita in arenaria rossa,[5] che è stata portata da Jaipur, India britannica, e marmo da Makrana, Rajputana. Dopo l'indipendenza del Pakistan nel 1947, la costruzione è stata colpita a causa di restrizioni all'esportazione di pietra rossa dall'India. Sei distici di un Ghazal sono scolpiti dal lavoro Poetico Zabur-e-Ajam (persiano Salmi) di Iqbal, sulle superfici interne del mausoleo.[6] All'esterno, c'è un piccolo giardino, distribuito in piccoli appezzamenti. Il mausoleo è stato progettato allora da Chief Architect di Hyderabad Deccan, Nawab Zain Yar Jang Bahadur e ha preso tredici anni per costruire ad un costo di circa centomila (Rs. 100.000) rupie pakistane. Il motivo principale di ritardo è stato il blocco di pietra rossa da Jaipur in post-indipendenza dell'India.[7]

Tomba e Cenotafio[modifica | modifica wikitesto]

Il mausoleo di forma rettangolare è dotato di due porte sul lato orientale e meridionale, rispettivamente, con intarsi in marmo, mentre il cenotafio in sé è fatta di marmo bianco. La lapide è stata un dono del popolo dell'Afghanistan, ed è fatta di lapislazzuli e con incisi versetti coranici in calligrafia inscritto in Afghanistan.

Conservazione[modifica | modifica wikitesto]

Il complesso del mausoleo è elencato sul "Protected Heritage Monuments" del Dipartimento di Archeologia del Punjab.[8]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Annemarie Schimmel, Muhammad Iqbal 1873–1938: The Ascension of the Poet, Die Welt des Islams, New Ser., Vol. 3, Issue 3/4. 1954. pp. 145–157
  2. ^ , H., A Nationalist conscience: M. A. Ansari, the Congress and the Raj, Manohar New Delhi. 1987
  3. ^ Muhammad Baqir, Lahore, Past and Present.
  4. ^ A great eastern poet, philosopher, Subhash Parihar, The Tribune India, 10 July 1999
  5. ^ Mohammad Waliullah Khan, Lahore and Its Important Monuments, Department of Archaeology and Museums, Pakistan Government of Pakistan. 1964. p.89-91
  6. ^ Annemarie Schimmel, Islam in the Indian Subcontinent (Handbuch Der Orientalistik), Brill. 1980.
  7. ^ Iqbal’s final resting place, Amna Nasir Jamal, 20 April 2002, Dawn
  8. ^ environment.gov.pk, https://web.archive.org/web/20131014185608/http://www.environment.gov.pk/eia_pdf/f_Crit_%20Areas.pdf (archiviato dall'url originale il 14 ottobre 2013).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]