Mausoleo di Glanum

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mausoleo di Glanum
Glanum-mausolee.jpg
Mausoleo eretto da una famiglia di origine gallica che ottenne la cittadinanza romana combattendo nell'esercito di Augusto
CiviltàRomana
UtilizzoMonumento
EpocaI secolo a.C.
Localizzazione
StatoFrancia Francia
ArrondissementArles
Altitudine392 m s.l.m.
Dimensioni
Altezza16 m
Amministrazione
PatrimonioMonumento storico francese
EnteOffice du tourisme
ResponsabileMairie, Direction de la Communication
VisitabileAperto al pubblico
Sito webwww.saintremy-de-provence.com
Mappa di localizzazione

Coordinate: 43°46′35.04″N 4°49′51.56″E / 43.7764°N 4.83099°E43.7764; 4.83099

Il mausoleo di Glanum è un monumento funerario gallo-romano situato nell'antica città di Glanum, vicino all'odierna città di Saint-Rémy-de-Provence, in Francia. Venne eretto tra il 30 a.C. e il 20 a.C., durante il principato di Augusto. È molto ben conservato sia per quanto riguarda la struttura sia per le decorazioni. L'iscrizione presente sul monumento recita:

SEX(tus) M(arcus) L(ucius) IVLIEI C(aii) •F(ilii) PARENTIBVS SVEIS
Sesto, Marco e Lucio Giulio, figli di Gaio, per i loro genitori.

Il nomen Giulio indica che i defunti sono Galli i cui antenati avevano ottenuto la cittadinanza romana combattendo nell'esercito romano, ai tempi di Giulio Cesare o di Augusto. Come di consueto questi antenati presero il cognome di coloro che li aveva liberati concedendogli la cittadinanza.

La forma del mausoleo è tipica di altri monumenti sepolcrali italiani e africani. La struttura, alta 16 metri, è divisa in tre parti:

  • una parte inferiore, cubica e decorata con rilievi, come un sarcofago.
  • una parte intermedia, a forma di arco quadrifronte.
  • una parte superiore, a forma di tempio rotondo.

Parte inferiore[modifica | modifica wikitesto]

La parte inferiore non contiene una camera sepolcrale, il che rende il monumento un cenotafio. Quattro rilievi, decorati da festoni, occupano gran parte della base, e illustrano scene storiche e mitologiche:

  • Est: è ispirato alla lotta tra i Greci e le Amazzoni, si vede un combattente prendere un trofeo da un avversario morto.
  • Sud: è rappresentata la leggenda della caccia al cinghiale calidonio. Sono raffigurati Meleagro e i due Dioscuri, Castore e Polluce.
  • Ovest: è rappresentata una scena della guerra di Troia e il combattimento per recuperare il corpo di Patroclo.
  • Nord: è rappresentata una battaglia senza chiari riferimenti mitologici. Rappresenta probabilmente una scena legata all'ottenimento da parte del defunto della cittadinanza romana.

Parte intermedia[modifica | modifica wikitesto]

Quattro pilastri disposti lungo gli angoli di un quadrato e decorati con colonne corinzie addossate si intersecano tra di loro formando un arco quadrifronte (come l'arco di Giano del foro Boario). La sommità di questa struttura è decorata con creature marine che sorreggono un disco solare, presente su tutti i lati tranne che in quello nord.

Parte superiore[modifica | modifica wikitesto]

Un piccolo tempio tondo (tholos) corona il monumento. Esso ospita la statua del defunto e probabilmente di suo figlio, entrambi raffigurati con indosso la toga, che poteva essere indossata solo da cittadini romani.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]