Mauro Vegni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mauro Vegni

Mauro Vegni (Cetona, 7 febbraio 1959) è un dirigente sportivo italiano.

Biografie[modifica | modifica wikitesto]

È l'attuale direttore del Giro d’Italia e delle altre classiche della Gazzetta dello Sport quali Milano-Sanremo e Giro di Lombardia.

Ancora giovanissimo, si trasferisce con la famiglia a Roma, dove conosce Franco Mealli il responsabile del Velo Club Forze Sportive Romane, e organizzatore della Tirreno-Adriatico, del Giro del Lazio e di molte altre manifestazioni. Mealli indirizza il giovane Vegni a prendere conoscenza con l’attività organizzativa. Già nella seconda metà degli anni ’70, in concomitanza con gli studi classici, Mauro Vegni, frequenta la “bottega” del V.C. Forze Sportive accanto alla redazione del quotidiano Il Messaggero.

Ben presto Mauro Vegni, dopo i lavori d’ufficio, di segreteria in corsa, di contatti con le amministrazioni, i sopralluoghi tecnici, la gestione delle fasi di partenza e d’arrivo che gli permettono di conoscere da dentro le molteplici complessità collegate a un’organizzazione ciclistica, è avviato anche alla condirezione di gara, sia in competizioni dilettanti di livello, sia in corse della massima categoria professionistica.

Dai primi anni ’90 Franco Mealli inizia ad accusare seri problemi di salute che ne limitano l’attività insieme alla contrazione dei contributi pubblici che determinano ingenti problemi economici al V.C. Forze Sportive Romane.

Ai campionati del mondo in Sicilia, nel 1994, propugnati da Franco Mealli, è Mauro Vegni il direttore generale della manifestazione.

Nel 1995 le corse e le attività del Velo Club sono rilevate da RCS Organizzazioni Sportive, il braccio operativo della Gazzetta dello Sport e Mauro Vegni lascia Roma per Milano, assunto da RCS Organizzazioni Sportive.

È il primo collaboratore di Carmine Castellano, il direttore operativo di RCS Organizzazioni Sportive e, subito dopo i campionati del mondo juniores di San Marino dove Vegni è il responsabile organizzativo, si misura subito, in prima persona, con le notevoli problematiche logistico-organizzative legate all’avvio del Giro d’Italia da Atene in occasione del centenario delle Olimpiadi nel 1996.

Con Castellano l’intesa è piena e proficua fino al 2005 quando a Carmine Castellano subentra, quale direttore del Giro d’Italia, Angelo Zomegnan, che lascia nel 2011.

Dal 2012 è il responsabile del ciclismo targato RCS Sport, Giro d’Italia e tutte le altre gare.