Maurizio Setti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Maurizio Setti (Carpi, 5 giugno 1963) è un imprenditore e dirigente sportivo italiano, attuale presidente dell'Hellas Verona.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomato in ragioneria, è sposato, con due figli; possiede un aereo storico "Falchetto"[1], è appassionato della Vespa di cui possiede un esemplare del 1951 esposta nell'atrio della sua azienda[2].

Attività imprenditoriale[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a lavorare come fotografo[3], e successivamente, prima del servizio militare[1], come magazziniere e autista in una azienda di moda a Carpi[4], per poi cominciare l'attività imprenditoriale, a 22 anni[1], insieme ad amici producendo maglieria per i grossisti[5]. Per superare la crisi del settore "conto terzi", nel 1989 crea il gruppo Antress[6] e punta sul primo marchio proprio, E-Gò, assieme alla socia e stilista Sonia De Nisco, che viene proposto alle catene come Camaieux e Promod[7]. Per aumentare la marginalità, successivamente acquisisce il brand Manila Grace e lo sviluppa affidandolo alla stilista Alessia Santi, azionista al 20%[6]. Negli anni attorno al 2010 le due aziende, grazie alla creazione, sul mercato italiano, di negozi monomarca e alla distribuzione capillare in negozi multimarca e all'internazionalizzazione dei marchi, riscuotono successo. Nel 2011 le due aziende sono fuse, nell'unica società Antress che accentra il core business del gruppo[7]. A giugno 2012 Setti ha la maggioranza relativa delle quote, ed è l'amministratore unico, della holding Moulin Rouge SpA, che controlla la Antress Industry SpA, di cui è presidente del consiglio di amministrazione; è amministratore unico della Tex-Spread Srl che fa parte dell'indotto della Antress e possiede la Sfinge Srl e la Murales Srl, due società immobiliari[7]. A fine 2014 il marchio E-gò (Eurofel) è stato trasformato in SDN Sonia de Nisco con la conversione dei negozi E-gò in punti vendita Manila Grace e la creazione di una collezione chic destinata ad una clientela più agiata[8]. Nel 2015 c'è il rilancio del marchio di maglieria Sina ja??? e l'inserimento degli accessori nelle collezioni Manila Grace[9]. Nel 2016 con un finanziamento da un milione di euro garantito da SACE (partecipata al 100% dalla Cassa Depositi e Prestiti), in una iniziativa a sostegno dei piani di sviluppo internazionali, apre quattro boutique mono-brand e un outlet in Polonia, e due store a Berlino[10].

Attività sportiva[modifica | modifica wikitesto]

Ha militato in gioventù nei dilettanti dell'Athletic Carpi ricoprendo il ruolo di centrocampista[2]; è stato socio per tre anni del Carpi F.C. con cui ha conquistato due promozioni[11], è quindi stato, dal 2011, comproprietario e vicepresidente del Bologna Calcio (nell'"operazione salvataggio" della società felsinea), finché, nella primavera 2012, non ha rilevato l'Hellas Verona dall'allora proprietario Giovanni Martinelli[12]. Inizialmente entrato come socio di maggioranza con l'80% delle azioni, nel marzo del 2013 acquista l'intero pacchetto azionario della società scaligera, diventandone proprietario unico. Al termine della stagione la squadra conquista la promozione in serie A, che mancava alla formazione scaligera da undici anni[13]. Al primo anno in serie A è una delle sorprese del campionato[14] e chiude al decimo posto. La stagione successiva ottiene un buon 13º posto, mentre è completamente negativa la stagione 2015-16, chiusa con un 20º posto e retrocessione in Serie B. Riuscirà comunque a riportare la squadra nella massima serie dopo un solo anno di assenza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Filmato audio Sottovoce del 11/11/2014, RAI, 11 novembre 2014, a 00:03:30. URL consultato il 7 aprile 2015.
  2. ^ a b Giorgio Dell’Arti, Maurizio Setti, cinquantamila.it, 13 marzo 2014. URL consultato il 7 aprile 2015.
  3. ^ Il mago del pronto moda, italiaoggi.it, 7 febbraio 2012. URL consultato il 7 aprile 2015.
  4. ^ Manila Grace & E-gò, Quotidiano Nazionale, 4 novembre 2011. URL consultato il 7 aprile 2015.
  5. ^ Il "chi è" di Setti imprenditore, tggialloblu.it, 11 maggio 2014. URL consultato l'8 luglio 2014.
  6. ^ a b Bettina Bush, Maurizio Setti, la vittoria dell’imperfetto, La Repubblica, 4 marzo 2013. URL consultato il 7 aprile 2015.
  7. ^ a b c Il Verona di Setti: se le idee contano più dei soldi (con qualche rischio), hellastory.net, 14 agosto 2012. URL consultato il 7 aprile 2015.
  8. ^ Maurizio Setti: “Nel medio c’è il business”, in La Repubblica, 20 ottobre 2014. URL consultato il 13 aprile 2015.
  9. ^ Manila Grace gioca in Serie A, su panorama.it, 19 ottobre 2015. URL consultato il 10 dicembre 2015.
  10. ^ Moda, Sace sostiene Antress all'estero - Economia, in ANSA.it, 06 ottobre 2016. URL consultato il 21 novembre 2016.
  11. ^ Ecco chi è Maurizio Setti, tggialloblu.it, 11 maggio 2012. URL consultato il 7 aprile 2015.
  12. ^ Setti, addio Bologna Ora diventa presidente del Verona, in Il Resto del Carlino, 22 giugno 2012. URL consultato il 7 aprile 2015.
  13. ^ Hellas Verona-Empoli: il Bentegodi canta già, in L'Arena, 18 maggio 2013. URL consultato il 7 aprile 2015.
  14. ^ I tecnici applaudono i gialloblù: «Bravo Hellas, sei tu la sorpresa», in L'Arena, 5 gennaio 2014. URL consultato il 7 aprile 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]