Mau-Mau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Mau Mau (disambigua).

Mau-Mau è un movimento politico nazionalista sorto nel Kenya sul finire della seconda guerra mondiale e nell'immediato dopoguerra fra i kikuyu, popolazioni rurali dell'altopiano centrale, e poi estesosi a tutte le tribù del Paese in opposizione al dominio coloniale del Regno Unito.

All'interno della Kikuyu Central Association, fondata intorno al 1920 da Jomo Kenyatta e da altri patrioti di colore, nel 1944 i capi politici della Provincia centrale cominciarono a organizzare il movimento clandestino dei Mau-Mau, che divenne poi il braccio armato della Kenya Africa Union, struttura legale creata, sempre sotto la guida di Kenyatta, per realizzare un fronte unitario anticoloniale fra le diverse etnie del Paese.

Anche se male armati i Mau-Mau seppero dare del filo da torcere alle truppe britanniche per molto tempo, impiegando la tattica della guerriglia nelle boscaglie dell'interno (nella Provincia centrale e nella Rift Valley) e del terrorismo nelle grandi città come Nairobi. Nella lotta, i rivoltosi si abbandonarono però anche a massacri e a violenze sui bianchi - incluse donne e bambini - che vivevano in fattorie isolate.

Il movimento Mau-Mau venne represso dalle forze britanniche che operarono molto duramente, creando perfino campi di concentramento di kikuyu per controllare meglio i ribelli.

Anche se sconfitto sul piano militare, il movimento Mau-Mau restò una delle maggiori esperienze politiche della nuova Africa e particolarmente del Kenya indipendentista.

Riferimenti della cultura[modifica | modifica sorgente]

L'epoca della rivolta dei Mau-Mau fa da sfondo a molte opere dello scrittore keniota Ngugi wa Thiong'o, fra cui Se ne andranno le nuvole devastatrici e Un chicco di grano.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Robert Hinrichs Bates, Beyond the miracle of the market. The political economy of agrarian development in Kenya, Cambridge, Cambridge University Press, 2005 (2ª ed.), pp. XIV, 2, 11-70, 137, 190-202. ISBN 978-0-521-85269-2. Il volume è parzialmente consultabile su Google Libri.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]