Mattia Albani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mattia Albani (Caldaro sulla Strada del Vino, 1634Bolzano, 1673) è stato un liutaio austro-ungarico, vissuto nel XVII secolo.

Attivo a Caldaro sulla strada del vino e a Bolzano, fu il fondatore di una dinastia di liutai, suoi figli o nipoti, che utilizzarono per i loro strumenti gli abeti rossi della val di Fiemme, e in particolare da quelli della "foresta di Paneveggio", noti come "gli alberi dei violini".

Un esemplare di violino costruito da Mattia Albani fu acquistato nel 1966 dal Tiroler Landesmuseum Ferdinandeum di Innsbruck, dove è attualmente esposto dopo un accurato restauro.[senza fonte] Violini costruiti dalla famiglia Albani sono suonati da illustri artisti, come Vincenzo Bolognese, Silvia Marcovici, Gregory Ewer, Silvano Minella e, in passato, dal virtuoso Arcangelo Corelli.

Spesso viene confuso con il figlio omonimo, anche lui liutaio, attivo a Bolzano ed a Roma, nato a Bolzano nel 1650 e morto nel 1680.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nicolò Rasmo, Dizionario degli Artisti Atesini, 1980
  • Rene Vannes, Dictionnaire Universel des Luthiers, 1950

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN122094492 · ISNI (EN0000 0000 8057 5226 · GND (DE141525339 · CERL cnp01225778 · WorldCat Identities (ENviaf-122094492