Matthew McGrory

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Matthew McGrory (West Chester, 17 maggio 1973Los Angeles, 9 agosto 2005) è stato un attore statunitense, conosciuto per la sua elevata statura (229 cm).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Matthew McGrory nacque a West Chester, Pennsylvania. Studiò legge alla Widener University e giustizia criminale alla West Chester University. McGrory era conosciuto per la sua altezza, circa 229 cm e per la misura dei suoi piedi, numero 63½, che gli valse un Guinnes World Record per il piede più lungo in uomo non affetto da gigantismo,[1] record poi battuto da Brahim Takioullah.[2] Inoltre, vinse anche un Guinnes World Record per l'attore più alto del mondo[1] e per l'alluce più grande al mondo.[3]

Tra i film più noti in cui Matthew recitò ci sono: Big Fish - Le storie di una vita incredibile, La casa dei 1000 corpi e Men in Black II. Ha recitato anche in serie televisive come Malcolm, Streghe e Carnivàle. Apparve inoltre in alcuni video musicali, tra cui quello per The Wicker Man degli Iron Maiden, Coma White di Marilyn Manson e Good Boys dei Blondie. Dopo la sua morte, Rob Zombie gli dedicò il film La casa del diavolo. Morì il 9 agosto 2005 per cause naturali, mentre stava girando un film documentario sulla vita del wrestler André the Giant.[4]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Matthew McGrory - 7 feet 6 inches (228.6 cm), su thetallestman.com, The Tallest Man. URL consultato il 16 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2018).
  2. ^ (EN) Confirmed: Brahim Takioullah sets world record for largest feet, su guinnessworldrecords.com, 12 ottobre 2011. URL consultato il 26 ottobre 2018.
  3. ^ (EN) FOR THE RECORD | WHO: MATTHEW MCGRORY | WHAT: LONGEST TOE, su guinnessworldrecords.com, Guinnes World Records. URL consultato il 16 maggio 2014.
  4. ^ (EN) 'Big Fish' Actor Matthew McGrory Dies, su foxnews.com, Fox News, 11 agosto 2005. URL consultato il 16 maggio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN28173837 · ISNI (EN0000 0000 7988 040X · LCCN (ENno2010100625 · GND (DE130296252 · WorldCat Identities (ENlccn-no2010100625