Matteo Martari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Matteo Martari (Verona, 12 dicembre 1983) è un attore ed ex modello italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Verona, si trasferisce in seguito a Milano dove lavora alcuni anni come modello per Moschino, Mash, Franklin & Marshall, Woolrich, Diesel. Ma quello che lui da sempre voleva fare era l’attore. E così la passione per la recitazione lo porta a frequentare la scuola di teatro “Quelli di Grock” a Milano. Finita la scuola si trasferisce a Roma, e nel 2012 il debutto a teatro in Un angelo è sceso a Babilonia, per la regia di Fernanda Calati. Nel 2013 è di nuovo in scena con lo spettacolo Yerma, di Maurizio Salvalalio.[1]

Da allora sono anche arrivati cinema e televisione. Nel 2014 entra nel cast di Under The Series, web serie per la regia di Ivan Silvestrini con Gianmarco Tognazzi, Giorgio Colangeli, Valentina Bellè e Chiara Iezzi.[2]

Nel 2015 debutta al cinema con una parte nella commedia La felicità è un sistema complesso.[3][4] Nello stesso anno entra nel cast principale della serie tv Non Uccidere nel ruolo del poliziotto Andrea Russo, che riprenderà nel 2017 nella seconda stagione della serie.

Nel 2016 è co-protagonista nella miniserie tv di Rai1 “Luisa Spagnoli” per la regia di Lodovico Gasparini, nel ruolo di Giovanni Buitoni accanto a Luisa Ranieri.

Nel 2017 è protagonista di due serie tv per RAI 1: Un passo dal cielo 4 nel ruolo di Albert Kroess, il "Maestro" e Sotto copertura 2 - La cattura di Zagaria, in cui recita il ruolo di vicequestore Francesco Visentin, accanto a Claudio Gioè. Sempre nel 2017 ritorna sul grande schermo con i film 2night, regia di Ivan Silvestrini e Il mio Godard, regia di Michel Hazanavicius, premio Oscar nel 2011.

L'anno successivo, 2018, interpreta il ruolo di Luigi Tenco nel film TV Fabrizio De André - Principe libero e partecipa alla seconda stagione de I bastardi di Pizzofalcone nel ruolo del magistrato Diego Buffardi.[3][5], con Alessandro Gassmann, Carolina Crescentini, regia di Alessandro D'Alatri. Nell’autunno 2018, fa parte del cast principale della seconda stagione del kolossal internazionale I Medici, dove interpreta il banchiere fiorentino Francesco de' Pazzi[6][7].

Nella primavera del 2019 è stato co-protagonista della fiction di Canale 5 Non mentire, al fianco di Alessandro Preziosi e Greta Scarano. Regia di Gian Marco Tavarelli.

A dicembre 2019, sarà al cinema perché nel cast[8] del film La dea fortuna del regista Ferzan Ozpetek[9]

Nel 2020 sarà uno dei protagonisti della fiction di Rai 1 “Bella da Morire” insieme a Cristiana Capotondi per la regia di Andrea Molaioli.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

  • Yerma regia M. Salvalalio (2013)
  • Un angelo è sceso a Babilonia regia F. Calati (2012)

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matteo Martari e Miriam Leone/ La coppia piace ai fans: il nuovo fidanzato dell’ex Miss Italia promosso, su ilsussidiario.net, 01-11-2017. URL consultato il 03-10-2019.
  2. ^ Under The Series: la webseries italiana ambientata nell’Italia del 2025, su bestmovie.it, 23-06-2014. URL consultato il 03-10-2019.
  3. ^ a b Matteo Martari, su chi-e.com, 20 novembre 2018.
  4. ^ Chi è Matteo Martari, Francesco de Pazzi ne I MEDICI 2, su tvserial.it, 20 novembre 2018.
  5. ^ Matteo Martari (Diego ne «I Bastardi di Pizzofalcone 2»): «Sono arrivato fin qui solo con le mie gambe», su sorrisi.com, 20 novembre 2018.
  6. ^ I Medici 2, Aurora Ruffini e Matteo Martari rivelano la difficoltà più grande nel girare la serie, su tvzap.kataweb.it, 20 novembre 2018.
  7. ^ Matteo Martari e Aurora Ruffino raccontano “I Medici. Lorenzo il Magnifico”, su lastampa.it, 20 novembre 2018.
  8. ^ >Intervista di Matteo Martari“Ho lavorato con Ozpetek. Misurarsi con registi molto bravi permette al lavoro che fai di prendere un'altra dimensione. E in questo caso credo di aver fatto un passo in più” su talkymedia.it. Settembre 17, 2019 di Thomas Cardinali.
  9. ^ https://www.stefanochiappimanagement.com/312/matteo-martari.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3524149844951202960009 · ISNI (EN0000 0004 6092 1880 · GND (DE1135623198 · BNF (FRcb17140639t (data) · WorldCat Identities (EN3524149844951202960009