Matteo Contini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Matteo Contini
Matteo Contini.JPG
Nazionalità Italia Italia
Altezza 184 cm
Peso 83 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Termine carriera 24 maggio 2018 - giocatore
Carriera
Giovanili
1992-1999Milan
Squadre di club1
1999Lumezzane11 (0)
1999-2000Livorno15 (0)
2000-2001SPAL17 (0)
2001-2002Monza25 (0)
2002-2003L'Aquila31 (2)[1]
2003-2004Avellino39 (1)
2004-2007Parma89 (2)
2007-2010Napoli75 (1)
2010-2011Real Saragozza39 (1)
2011-2013Siena26 (0)
2013Atalanta3 (0)
2013-2014Juve Stabia27 (0)
2014-2016Bari46 (0)
2016-2017Ternana21 (0)
2017Carrarese0 (0)
2017-2018Pergolettese28 (0)[2]
Carriera da allenatore
2018PergoletteseAllievi Prov.
2018-2019Pergolettese
2020Pergolettese
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 novembre 2020

Matteo Contini (Varese, 16 aprile 1980) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano di ruolo difensore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 giugno 2015 si è sposato con l'attrice Micol Azzurro[3].

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Il suo ruolo naturale è quello di difensore centrale, ma in carriera ha ricoperto anche il ruolo di terzino sinistro. È mancino.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera calcistica nelle giovanili del Varese e successivamente del Milan, e nel corso della stagione 1998-1999, dopo aver vinto il Torneo di Viareggio con la Primavera, è ceduto in prestito al Lumezzane con cui gioca 11 partite nel campionato della Serie C1. Nel 1999/2000, il Milan decide di prestarlo al Livorno, sempre in Serie C1, dove colleziona 15 presenze, senza tuttavia segnare gol.

Nella stagione 2000-2001 passa, ancora in prestito ed ancora in C1, alla SPAL, dove disputa 17 partite e nessun gol al suo attivo.

Nel 2001/2002 passa a titolo definitivo al Monza dove gioca 25 partite, passando a titolo definitivo l'anno successivo all'Aquila dove nel campionato di C1 2002-2003 realizza 2 reti in 31 presenze.

Nel 2003/2004 si trasferisce all'Avellino, in Serie B, all'epoca allenato da Zdeněk Zeman. In quella stagione gioca titolare con al suo attivo 39 partite e un gol.

Parma[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 settembre 2004 esordisce in Serie A con il Parma (nella partita Inter-Parma 2-2),[4] dove rimane per tre stagioni.

Nel 2004-2005, oltre a essere titolare in campionato, gioca dieci partite anche in Coppa UEFA, giocando sempre titolare, tranne durante il primo turno di andata contro il Maribor e durante la semifinale di andata contro CSKA Mosca, quando siedeva in panchina e durante i quarti di andata, contro l'Austria Vienna, e la semifinale di ritorno contro il CSKA Mosca quando non era stato convocato.

Anche nel 2005/2006 giuoca titolare in campionato. Al suo ultimo anno al Parma, ritorna in Coppa UEFA, dove giuoca 5 partite da titolare, collezionando 358 minuti in campo e saltando il 1º turno di ritorno, contro il Rubin Kazan, e la 1ª e la 4ª giornata del girone contro Odense e Osasuna.

Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 agosto 2007 si trasferisce, per una cifra pari a 3 milioni e 200 000 euro, al Napoli dove firma un contratto quinquennale.[5]

Nelle prime due stagioni a Napoli, sotto la guida di Edoardo Reja e Roberto Donadoni, gioca quasi sempre da titolare, con buoni risultati, ottenendo nel 2008/2009 il record personale di minuti in campo: 2874 minuti. Il 4 maggio 2008, in Torino-Napoli, terminata 2-1 per i granata, sigla la sua prima ed unica rete con la maglia azzurra, sancendo il momentaneo 1-1.[6]

Con l'arrivo di Walter Mazzarri alterna ottime partite a errori pesanti, come quello di Torino nella partita vinta 2-3 contro la Juventus, in cui serve involontariamente un assist a Giovinco per il gol del 2-0.[7]

Real Saragozza[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 gennaio 2010 passa in prestito con diritto di riscatto al Real Saragozza.[7][8] Esordisce nella Liga il 31 gennaio 2010 nel match esterno contro il Tenerife (1-3) e diventa una pedina fondamentale per la difesa del Real Saragozza.[9] Segna il suo primo goal nella Liga il 7 febbraio 2010 nel match casalingo contro il Siviglia con un tiro in diagonale su un calcio d'angolo. La partita terminerà 2-1 per gli Aragonesi. L'8 luglio 2010 viene riscattato dal club aragonese per 2,3 milioni di euro[10] e sottoscrive un contratto fino al 2013.[9]

Siena e Atalanta[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un anno e mezzo in Spagna e 40 partite e un gol collezionati con il Real Saragozza,[11] torna in Italia l'8 agosto 2011, prelevato dal Siena in prestito con diritto di riscatto.[12] La società toscana dovrà riscattare Contini se non retrocederà in Serie B.[11] Contini ha dichiarato di aver lasciato la squadra aragonese per problemi personali.[13]
Resta così al Siena e debutta nella nuova stagione il 19 agosto giocando da titolare la sfida di Coppa Italia vinta contro il L.R. Vicenza per 4-2.

Il 31 gennaio 2013, ultimo giorno di calciomercato, passa a titolo definitivo all'Atalanta.[14] Con la dea non riesce a trovar spazio totalizzando solo 3 presenze in campionato.

Serie B e serie inferiori[modifica | modifica wikitesto]

Alla fine della stagione 2012/2013 viene messo ai margini della rosa bergamasca ed il 30 agosto 2013 viene ceduto in prestito alla Juve Stabia in Serie B. Esordisce con la sua nuova squadra l'8 settembre in occasione della gara contro la Reggina al Granillo di Reggio Calabria.

Il 18 luglio 2014, il Bari comunica tramite il proprio sito ufficiale di aver acquistato il giocatore a titolo temporaneo.[15] Contini disputa una buona stagione, chiusa con 25 presenze in Serie B; il 13 luglio 2015 viene rinnovato il prestito.[16] Nel corso della partita Ascoli-Bari del 19 aprile 2016, dopo pochi minuti, subisce un infortunio muscolare che lo tiene fuori squadra fino a fine stagione.

Ancora sotto contratto con l'Atalanta, il 27 agosto dello stesso anno passa in prestito alla Ternana.[17]

A luglio, nei giorni in cui firma per la Carrarese, a Coverciano segue il corso da allenatore UEFA B che consente di allenare in Serie D.[18] A seguito di varie problematiche rescinde il contratto con la Carrarese dopo nemmeno due mesi.

Il 20 settembre 2017 si accasa alla Pergolettese militante in Serie D.[19] Debutta con la maglia gialloblu il 24 settembre, nella vittoriosa trasferta contro la Bustese Milano City (0-2). Al termine della stagione inizia a seguire il corso per il patentino di allenatore UEFA B, annunciando il ritiro dall'attività agonisitica.[20][21] Gioca la sua ultima partita ufficiale il 20 maggio 2018, nella vittoria della finale play-off contro il Darfo Boario (1-0).

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Diventato allenatore degli Allievi 2003 della Pergolettese, il 27 settembre 2018 ottiene la qualifica UEFA A che abilita all'allenamento di tutte le formazioni giovanili e delle prime squadre fino alla Serie C, e alla posizione di allenatore in seconda in Serie B e Serie A.[22]

Il 6 novembre 2018 viene promosso alla guida della panchina della prima squadra della Pergolettese dopo l'esonero di Ivan Del Prato. Esordisce alla guida della squadra l'11 novembre 2018, nel vittorioso derby contro il Fanfulla (6-2). A fine campionato porta la squadra alla promozione in Serie C dopo lo spareggio vinto con il Modena per 2-1. La stagione seguente viene riconfermato alla guida della squadra nel campionato di Serie C 2019-2020. Il 12 novembre 2019, dopo aver collezionato 0 vittorie in 15 partite ufficiali, viene esonerato con la squadra all'ultimo posto del girone A con soli 5 punti.[23] Il 19 maggio 2020 viene richiamato a guidare la squadra nella doppia sfida ai play-out contro la Pianese affiancato da Gianni Piacentini, dopo l'abbandono di Fiorenzo Albertini dalla guida della squadra per non aver avuto l'idoneità sportiva necessaria dopo l'epidemia di Covid-19.[24] Riuscirà a salvare la Pergolettese in virtù del miglior piazzamento in classifica dopo che le due gare erano finite in pareggio, venendo poi confermato per la stagione successiva.[25] Nel settembre 2020 ottiene l'abilitazione per Allenatore Professionista di Prima Categoria - Uefa Pro.[26] Il 15 novembre 2020 si dimette con la squadra al 15º posto.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 20 maggio 2018.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
gen.-giu. 1999 Italia Lumezzane C1 11 0 CI+CI-C - - - - - - - - 11 0
1999-2000 Italia Livorno C1 15 0 CI-C 3 0 - - - - - - 18 0
2000-2001 Italia SPAL C1 17 0 CI-C 0 0 - - - - - - 17 0
2001-2002 Italia Monza C1 25 0 CI-C 2 0 - - - - - - 27 0
2002-2003 Italia L'Aquila C1 31+2[27] 2 CI-C 0 0 - - - - - - 33 2
2003-2004 Italia Avellino B 39 1 CI 1 0 - - - - - - 40 1
2004-2005 Italia Parma A 29 0 CI 1 0 CU 10 0 - - - 40 0
2005-2006 A 32 1 CI 2 0 - - - - - - 34 1
2006-2007 A 28 1 CI 0 0 CU 5 0 - - - 33 1
Totale Parma 89 2 3 0 15 0 - - 107 2
2007-2008 Italia Napoli A 28 1 CI 3 0 - - - - - - 31 1
2008-2009 A 34 0 CI 1 0 I+CU 2+3 0 - - - 40 0
2009-gen. 2010 A 13 0 CI 2 0 - - - - - - 15 0
Totale Napoli 75 1 6 0 5 0 - - 86 1
gen.-giu. 2010 Spagna Real Saragozza PD 15 1 CR - - - - - - - - 15 1
2010-2011 PD 24 0 CR 1 0 - - - - - - 25 0
Totale Real Saragozza 39 1 1 0 - - - - 40 1
2011-2012 Italia Siena A 16 0 CI 4 0 - - - - - - 20 0
2012-gen. 2013 A 8 0 CI 3 0 - - - - - - 11 0
Totale Siena 24 0 7 0 - - - - 31 0
gen.-giu. 2013 Italia Atalanta A 3 0 CI - - - - - - - - 3 0
2013-2014 Italia Juve Stabia B 27 0 CI - - - - - - - - 27 0
2014-2015 Italia Bari B 28 0 CI 1 0 - - - - - - 29 0
2015-2016 B 16 0 CI 1 0 - - - - - - 17 0
2016-2017 Italia Ternana B 11 0 CI 0 0 - - - - - - 11 0
lug.-ago. 2017 Italia Carrarese C - - CI-C 2 0 - - - - - - 2 0
sett. 2017-2018 Italia Pergolettese D 28+2[28] 0 CI-D 1 0 - - - - - - 31 0
Totale carriera 478+4 7 28 0 20 0 - - 530 7

Statistiche da allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 11 novembre 2020.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale % Vittorie Piazzamento
Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P Comp G V N P G V N P %
nov.-giu. 2019 Italia Pergolettese D 26+1[29] 19+1 3 4 CI-D 0 0 0 0 - - - - - PS 3 1 0 2 30 21 3 6 70,00 Subentrato,
2019-2020 C 14+2[30] 0 5+2 9 CI-C 2 0 0 2 - - - - - - - - - - 18 0 7 11 &&0,00 Eson., Sub., 16°
2020-2021 C 9 3 3 3 - - - - - - - - - - - - - - - 9 3 3 3 33,33 Dimissionario
Totale carriera 52 23 13 16 2 0 0 2 3 1 0 2 57 24 13 20 42,11

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Milan: 1999

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Pergolettese: 2018-2019

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 33 (2) se si comprendono i play-out.
  2. ^ 30 (0) se si comprendono i play-off.
  3. ^ Da Florenzi a Llorente: fiori d'arancio ed il coronamento di un sogno, (quasi?) meglio di una finale di Champions, su gianlucadimarzio.com. URL consultato il 21 giugno 2015 (archiviato dall'url originale il 21 giugno 2015).
  4. ^ STORIA CROCIATA – INTER-PARMA: IL 2-2 DEL 2004, CHE PER POCO NON FU VITTORIA, su parmacalcio1913.com, 31 ottobre 2020. URL consultato il 1º novembre 2020.
  5. ^ UFFICIALE: Matteo Contini è del Napoli, su tuttomercatoweb.com. URL consultato il 23 luglio 2008.
  6. ^ Il Toro si allontana dalla B Di Michele doma il Napoli, su repubblica.it. URL consultato il 14 gennaio 2020.
  7. ^ a b Contini, addio a Napoli «In Spagna mi amano», Corriere dello sport. URL consultato il 12 luglio 2011 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  8. ^ (ES) Contini nuevo jugador del Real Zaragoza Archiviato il 28 gennaio 2010 in Internet Archive., realzaragoza.com
  9. ^ a b (ES) Matteo Contini continuará defendiendo al Real Zaragoza Archiviato il 10 luglio 2010 in Internet Archive. Realzaragoza.com
  10. ^ (ES) Contini para tres años más, aragonradio2.com
  11. ^ a b (ES) Matteo Contini, cedido al AC Siena Realzaragoza.com
  12. ^ Contini è del Siena. Arriva in prestito con diritto di riscatto Archiviato il 18 luglio 2012 in Archive.is., acsiena.it
  13. ^ (ES) Matteo Contini da las gracias al Real Zaragoza
  14. ^ Riepilogo acquisti e cessioni Archiviato il 2 febbraio 2013 in Internet Archive. Atalanta.it
  15. ^ Arrivano De Luca e Contini dall'Atalanta, su fcbari1908.club, 24 luglio 2014. URL consultato il 14 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 24 luglio 2014).
  16. ^ Mercato Atalanta, Matteo Contini in prestito al Bari, su atalanta.it, 18 luglio 2015. URL consultato il 14 gennaio 2020 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  17. ^ Dall'Atalanta arriva il difensore Matteo Contini, su ternanacalcio.com, 27 agosto 2016. URL consultato il 27 agosto 2016.
  18. ^ L’allenatore Marco Maestripieri a Coverciano allena i calciatori senza contratto: agli ordini del tecnico molisano Ledesma, Amelia, Chevanton e Luciano Archiviato il 3 agosto 2017 in Internet Archive.
  19. ^ UFFICIALE: Pergolettese, tesserato Matteo Contini, su tuttomercatoweb.com, 20 settembre 2017.
  20. ^ Corso da allenatore a Crema: fra gli iscritti anche Marchesetti, Sangiovanni, Zucchi e Piacentini sportgrigiorosso.it
  21. ^ Pergolettese, Matteo Contini dice basta. L'ex Napoli e Parma appende gli scarpini al chiodo notiziariocalcio.com
  22. ^ Nuovi allenatori abilitati: ci sono Pirlo, Gilardino e Batistuta
  23. ^ Esonerato Matteo Contini. Il commento del presidente Marinelli, su uspergolettese1932.it, 12 novembre 2019. URL consultato il 1º novembre 2020.
  24. ^ ALBERTINI COSTRETTO A LASCIARE IL GRUPPO, LA SOCIETA' RICHIAMA CONTINI AL FIANCO DI PIACENTINI
  25. ^ Riconfermato Matteo Contini, su uspergolettese1932.it, 19 giugno 2020. URL consultato il 1º novembre 2020.
  26. ^ Stefano Vivaldi, Juventus, Pirlo allenatore abilitato: superato l'esame per il patentino Uefa Pro, su calcioefinanza.it, 16 settembre 2020.
  27. ^ Play-out.
  28. ^ Play-off.
  29. ^ Spareggio per il primo posto
  30. ^ Play-out

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]