Matt Mitrione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Matt Mitrione
Matt Mitrione.jpg
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 192 cm
Peso 117 kg
Football americano American football pictogram.svg
Ruolo Defensive tackle
Ritirato 2005
Carriera
Giovanili
Università Purdue
Squadre di club
2002New York Giants
2004San Francisco 49ers
2005Frankfurt Galaxy
2005Minnesota Vikings
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Specialità Lotta libera, Karate, Kickboxing
Categoria Pesi massimi
Squadra Stati Uniti Roufusport
Stati Uniti Blackzilians
Carriera
Soprannome Meathead
Combatte da Stati Uniti Milwaukee, Stati Uniti
Vittorie 11
per knockout 10
Sconfitte 5
 

Matthew Steven "Matt" Mitrione (Springfield, 15 luglio 1978) è un lottatore di arti marziali miste ed ex giocatore di football americano statunitense.

Combatte nella categoria dei pesi massimi per l'organizzazione Bellator MMA. In passato ha combattuto in UFC, nella quale ha iniziato la propria carriera da professionista nel 2009 prendendo parte al reality show The Ultimate Fighter.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mitrione nasce a Springfield, nell'Illinois, figlio di Robert e Cecelia Mitrione: ha origini italiane da parte del padre e irlandesi da parte materna. Ha due figli e una figlia. Nel 2014 ha divorziato dalla moglie Tina dopo nove anni di matrimonio.

È amico di diversi giocatori della NFL e, ai tempi della UFC, è stato impegnato con altri lottatori in una campagna contro il bullismo nella zona di Toronto.

Carriera nel football americano[modifica | modifica wikitesto]

Il primo sport che Mitrione praticò a livello professionistico fu il football: uscito dall'università Purdue prese parte al draft NFL del 2002 senza però venire scelto da alcuna squadra. Sempre nel 2002, comunque, iniziò la sua carriera da professionista con i New York Giants.

Terminata la stagione rimase lontano dall'NFL fino al 2005 quando venne messo sotto contratto dai Minnesota Vikings: sempre giocando nel ruolo di defensive tackle terminò la propria carriera con quattro tackle all'attivo.

Carriera nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Ultimate Fighting Championship[modifica | modifica wikitesto]

Entra nella UFC nel 2009 grazie alla decima stagione del reality show The Ultimate Fighter, nella quale viene scelto come membro della squadra capitanata da Rashad Evans. Al primo turno sconfigge Scott Junk ai punti mentre già nei quarti di finale cade per sottomissione contro James McSweeney. Ottiene comunque un contratto con la federazione ed esordisce come lottatore professionista il 5 dicembre 2009 all'evento The Ultimate Fighter: Heavyweights Finale con un vittoria per KO contro l'altro ex giocatore dell'NFL Marcus Jones.

Nel 2010 affrontò un altro partecipante alla stagione The Ultimate Fighter: Heavyweights, lo street fighter Kimbo Slice: Mitrione controllò molto bene l'avversario per tutto l'incontro vincendo per KO tecnico durante la seconda ripresa. Quattro mesi dopo venne scelto come avversario di Joey Beltran: Mitrione ebbe la meglio ai punti ed entrambi gli atleti vennero premiati con il riconoscimento Fight of the Night.

Nel 2011 portò il suo record da imbattuto a cinque vittorie grazie ai successi sul veterano Tim Hague e su Christian Morecraft, entrambi sconfitti per KO; Mitrione ottenne quindi la possibilità di compiere il definitivo salto di qualità affrontando il francese Cheick Kongo, contro il quale però perse ai punti.

Dopo la sua prima sconfitta Mitrione avrebbe dovuto tornare nell'ottagono nel 2012 per sfidare Rob Broughton, ma quest'ultimo diede forfait e il match saltò; verso fine anno avrebbe dovuto affrontare Philip De Fries, ma Matt venne poi scelto per sostituire l'indisponibile Shane Carwin nel match principale dell'evento The Ultimate Fighter: Team Carwin vs. Team Nelson Finale contro il vincitore del torneo dei pesi massimi Roy Nelson. Mitrione perse per KO al primo round. Tornò alla vittoria nel 2013 con un veloce KO ai danni di De Fries.

In seguito ad alcuni commenti transfobici a mezzo stampa nei confronti del lottatore transessuale Fallon Fox, la UFC decise di sospendere il contratto di Mitrione, misura che venne poi revocata venti giorni dopo; in luglio avrebbe dovuto affrontare un altro ex giocatore di football, Brendan Schaub, ma proprio Mitrione s'infortunò e l'incontro venne posticipato a settembre: Mitrione venne sconfitto per sottomissione nel primo round.

Torna alla vittoria nel marzo 2014 sconfiggendo per KO Shawn Jordan, altro ex giocatore di football, ad un secondo dal termine del primo round, ottenendo il riconoscimento Performance of the Night. In luglio avrebbe dovuto affrontare Stefan Struve, ma quest'ultimo accusò un malore il giorno stesso dell'incontro e il match saltò. In settembre Mitrione mise velocemente KO Derrick Lewis e grazie a questa vittoria riuscì ad entrare tra i primi quindici contendenti nella divisione dei pesi massimi. In dicembre arrivò la terza vittoria per KO del 2014 contro l'ex contendente al titolo Gabriel Gonzaga, KO che gli valse il premio Performance of the Night.

A maggio del 2015 venne sconfitto da Ben Rothwell per sottomissione mentre a gennaio del 2016 affrontò Travis Browne venendo sconfitto per KO tecnico.

Bellator MMA[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 marzo 2016 venne annunciata la firma da parte di Mitrione per la promozione rivale della UFC, la Bellator MMA.

Al suo debutto affrontò Carl Seumanutafa all'evento Bellator 157 del 17 giugno 2016: dopo essere stato messo giù da un colpo ben piazzato da parte di Seumanutafa, Mitrione riuscì a riprendersi rimanendo al tappeto e successivamente riuscì a ribaltare l'incontro e a vincerlo per KO al primo round. Dopo solo tre settimane tornò a combattere nella gabbia contro Oli Thompson all'evento Bellator 158 vincendo per KO tecnico al secondo round.

Il 18 febbraio, all'evento Bellator 172, avrebbe dovuto affrontare la leggenda delle MMA Fedor Emilianenko, ma poche ore prima dell'incontro Mitrione è stato costretto a rinunciare a causa di alcuni calcoli renali. L'incontro si tiene il 24 giugno al Madison Square Garden di New York all'evento Bellator 180: Mitrione vince per KO alla prima ripresa.

Il 16 febbraio 2018 affronta per la seconda volta in carriera Roy Nelson nel primo turno del torneo a otto uomini per decretare il nuovo campione dei pesi massimi. Mitrione vince ai punti al termine di tre round per decisione a maggioranza.

Risultati nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Gli incontri segnati su sfondo grigio si riferiscono ad incontri di esibizione non ufficiali o comunque non validi per essere integrati nel record da professionista.

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Città Note
Vittoria 13-5 Stati Uniti Roy Nelson Decisione (maggioranza) Bellator 194 16 febbraio 2018 3 5:00 Stati Uniti Uncasville, Stati Uniti Quarti di finale del Bellator Heavyweight Grand Prix
Vittoria 12-5 Russia Fedor Emilianenko KO Tecnico (pugni) Bellator 180 24 giugno 2017 1 1:14 Stati Uniti New York, Stati Uniti
Vittoria 11-5 Inghilterra Oli Thompson KO Tecnico (pugni) Bellator 158 16 luglio 2016 2 4:21 Inghilterra Londra, Inghilterra
Vittoria 10-5 Stati Uniti Carl Seumanutafa KO (pugno) Bellator 157 24 giugno 2016 1 3:22 Stati Uniti Saint Louis, Stati Uniti Debutto in Bellator MMA
Sconfitta 9-5 Stati Uniti Travis Browne KO Tecnico (pugni) UFC Fight Night: Dillashaw vs. Cruz 17 gennaio 2016 3 4:09 Stati Uniti Boston, Stati Uniti
Sconfitta 9-4 Stati Uniti Ben Rothwell Sottomissione (strangolamento frontale) UFC Fight Night: Boetsch vs. Henderson 6 giugno 2015 1 1:54 Stati Uniti New Orleans, Stati Uniti
Vittoria 9-3 Brasile Gabriel Gonzaga KO Tecnico (pugni) UFC on Fox: dos Santos vs. Miocic 13 dicembre 2014 1 1:59 Stati Uniti Phoenix, Stati Uniti Performance of the Night
Vittoria 8-3 Stati Uniti Derrick Lewis KO (pugni) UFC Fight Night: Souza vs. Mousasi 5 settembre 2014 1 0:41 Stati Uniti Ledyard, Stati Uniti
Vittoria 7-3 Stati Uniti Shawn Jordan KO (pugni) UFC Fight Night: Kim vs. Hathaway 1º marzo 2014 1 4:59 Macao Cotai, Macao Performance of the Night
Sconfitta 6-3 Stati Uniti Brendan Schaub Sottomissione (d'arce choke) UFC 165: Jones vs. Gustafsson 21 settembre 2013 1 4:06 Canada Toronto, Canada
Vittoria 6-2 Regno Unito Phil De Fries KO (pugni) UFC on Fuel TV: Mousasi vs. Latifi 6 aprile 2013 1 0:19 Svezia Stoccolma, Svezia
Sconfitta 5-2 Stati Uniti Roy Nelson KO Tecnico (pugni) The Ultimate Fighter: Team Carwin vs. Team Nelson Finale 15 dicembre 2012 1 2:58 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 5–1 Francia Cheick Kongo Decisione (unanime) UFC 137: Penn vs. Diaz 29 ottobre 2011 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 5–0 Stati Uniti Christian Morecraft KO (pugni) UFC Live: Kongo vs. Barry 26 giugno 2011 2 4:28 Stati Uniti Pittsburgh, Stati Uniti
Vittoria 4–0 Canada Tim Hague KO Tecnico (pugni) UFC: Fight For The Troops 2 22 gennaio 2011 1 2:59 Stati Uniti Fort Hood, Stati Uniti
Vittoria 3–0 Stati Uniti Joey Beltran Decisione (unanime) UFC 119: Mir vs. Cro Cop 25 settembre 2010 3 5:00 Stati Uniti Indianapolis, Stati Uniti Fight of the Night
Vittoria 2–0 Bahamas Kimbo Slice KO Tecnico (pugni) UFC 113: Machida vs. Shogun 2 8 maggio 2010 2 4:24 Canada Montréal, Canada
Vittoria 1–0 Stati Uniti Marcus Jones KO (pugni) The Ultimate Fighter: Heavyweights Finale 5 dicembre 2009 2 0:10 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Debutto in UFC
Sconfitta NU Regno Unito James McSweeney Sottomissione (ghigliottina) The Ultimate Fighter 10 2 dicembre 2009 1 3:38 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Quarti di finale del torneo dei pesi massimi TUF 10
Vittoria NU Stati Uniti Scott Junk Decisione (maggioranza) The Ultimate Fighter 10 28 ottobre 2009 2 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Preliminare del torneo dei pesi massimi TUF 10

Note[modifica | modifica wikitesto]


Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]