Mathieu Ngudjolo Chui

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mathieu Ngudjolo Chui (Bunia, 8 ottobre 1970) è un militare della Repubblica Democratica del Congo, accusato dalla Corte Penale internazionale di crimini di guerra e crimini contro l'umanità.

Figlio di un povero agricoltore, si pensa che appartenga all'etnia Lendu e parla lingala, francese, swahili e kilendu. Ngudjolo è sposato con Semaka Lemi e ha due bambini.

È colonnello dell'esercito congolese e anche comandante del Fronte Nazionale integrazionista (FNI) e della Forza di resistenza patriottica nell'Ituri (FRPI).

Il 6 febbraio del 2008, è stato arrestato dalle autorità congolesi e condotto alla Corte penale internazionale (ICC) del'L'Aia per affrontare un processo che comprende sei capi di accusa per crimini di guerra e tre per crimini contro l'umanità. Le accuse comprendono omicidio, schiavitù sessuale e l'utilizzo di bambini soldato sotto i 15 anni di età che sono stati costretti a partecipare attivamente alle ostilità.

Il 18 dicembre 2012 è stato assolto dalla seconda camera di giudizio della C.P.I. ed immediatamente rilasciato. L'Ufficio de Procuratore ha impugnato la sentenza, ma l'assoluzione è stata confermata in appello 27 febbraio 2015[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]