Mathieu Lindon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mathieu Lindon nel 2011

Mathieu Lindon (Caen, 9 agosto 1955) è uno scrittore e giornalista francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio dell'editore Jérôme Lindon (tra i fondatori dell'Éditions de Minuit[1]) e cugino dell'attore Vincent Lindon, è nato a Caen nel 1955[2].

Ha esordito nel 1983 sotto l'egida dell'amico Michel Foucault con il romanzo Nos plaisirs scritto con lo pseudonimo di Pierre-Sébastien Heudaux (P.S. Heudaux, ossia “Pseudo”)[3].

Editorialista e critico letterario presso il quotidiano Libération[4], ha in seguito pubblicato una ventina di opere prediligendo il romanzo ed ottenendo alcuni riconoscimenti come il Prix Médicis nel 2011 per Cosa vuol dire amare[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Si può calcolare il piacere? Un professore eroinomane ci prova nel nuovo romanzo di Mathieu Lindon, su huffingtonpost.it. URL consultato il 5 aprile 2018.
  2. ^ (FR) Biographie de Mathieu Lindon, su franceculture.fr. URL consultato il 5 aprile 2018.
  3. ^ (FR) Interview de Mathieu Lindon: l’usage de l’amour, su nonfiction.fr. URL consultato il 5 aprile 2018.
  4. ^ (FR) Cenni biografici e bibliografia, su leseditionsdeminuit.fr. URL consultato il 5 aprile 2018.
  5. ^ (FR) Mathieu Lindon vincitore del Prix Medicis 2011, su villamedici.it. URL consultato il 5 aprile 2018.

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

  • Nos plaisirs con lo pseudonimo di Pierre-Sébastien Heudaux (1983)
  • Le Livre de Jim Courage (1986)
  • Prince et Léonardours (1987)
  • L'Homme qui vomit (1987)
  • Je t'aime. Récits critiques (1993)
  • Champion du monde (1994)
  • Le Cœur de To (1994)
  • Merci (1996)
  • Les Apeurés (1998)
  • Processo a Jean-Marie Le Pen (Le Procès de Jean-Marie Le Pen, 1998), L'Aquila, Textus, 2005 traduzione di Pietro Zanatta ISBN 88-87132-40-2.
  • Chez qui habitons-nous ? (2000)
  • La Littérature (2001)
  • Lâcheté d'Air France (2002)
  • Ma catastrophe adorée (2004)
  • Je vous écris (2004)
  • Ceux qui tiennent debout (2006)
  • En enfance (2009)
  • Cosa vuol dire amare (Ce qu'aimer veut dire, 2011), Firenze, Barbès, 2012 traduzione di Isabella Mattassi ISBN 978-88-6294-267-6.
  • Una vita pornografica (Une vie pornographique) (2013), Firenze, Clichy, 2014 traduzione di Francesca Martino ISBN 978-88-6799-140-2.
  • Les hommes tremblent (2014)

Alcuni riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56629879 · ISNI (EN0000 0001 2134 0926 · SBN IT\ICCU\UFIV\096718 · BNF (FRcb12056663g (data)