Mathayus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il sovrano con lo stesso nome, vedi Horo Scorpione II.
Mathayus
Il re scorpione.png
Mathayus, il Re Scorpione, interpretato da Dwayne Johnson nell'omonimo film
UniversoLa mummia
Lingua orig.Inglese
AutoreStephen Sommers
1ª app.2001
1ª app. inLa mummia - Il ritorno
Ultima app. inIl Re Scorpione 5 - Il libro delle anime (2018)
Interpretato da
Voci italiane
Specie
  • Umano
  • Non-morto (nel film La mummia - Il ritorno)
SessoMaschio
EtniaGuerrieri Accadi
Luogo di nascitaEgitto Egitto
Professione

Mathayus, noto soprattutto col nome di Re Scorpione, è un personaggio fittizio interpretato dagli attori Dwayne Johnson (da adulto), Michael Copon (da ragazzo) e Victor Webster (quasi arrivato alla mezza età), apparso per la prima volta nel 2001 come antagonista in La mummia - Il ritorno (2001) e in quattro spin-off nel ruolo di protagonista assoluto: Il Re Scorpione (2002), Il Re Scorpione 2 - Il destino di un guerriero (2008), Il Re Scorpione 3 - La battaglia finale (2012), Il Re Scorpione 4 - La conquista del potere (2015) e Il Re Scorpione 5 - Il libro delle anime (2018).[1] Pur essendo un personaggio preso dalla saga de La mummia, lo spin-off ha una totale autonomia rispetto a La mummia - Il ritorno.

Il personaggio è ispirato alla figura storica del sovrano Horo Scorpione II, da cui prende il soprannome di Re Scorpione.[2]

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Le seguenti apparizioni seguono la cronologia della storia dello spin-off del personaggio della La mummia - Il ritorno. L'ordine d'uscita delle pellicole invece è: Il Re Scorpione, Il Re Scorpione 2 - Il destino di un guerriero, Il Re Scorpione 3 - La battaglia finale, Il Re Scorpione 4 - La conquista del potere e Il Re Scorpione 5 - Il libro delle anime.

Il Re Scorpione 2 - Il destino di un guerriero[modifica | modifica wikitesto]

Ne Il Re Scorpione 2 - Il destino di un guerriero Mathayus è un giovane ragazzo che vive in un popolo sottomesso dalla dittatura di Re Sargon, un perfido tiranno che possiede poteri soprannaturali. Mathayus si ribella alla volontà del re ma questi, usando i suoi poteri, ucciderà suo padre e in seguito anche suo fratello Noah. Sconvolto dal dolore e deciso ad uccidere Sargon, Mathayus intraprende un lungo viaggio per scendere negli inferi accompagnato da un intellettuale greco, dove troverà la spada di Damocle, l'unica arma esistente sulla terra che possa sconfiggere l'invincibile re dotato di grandi poteri magici donatigli dalla dea degli Inferi, Astarte. Una volta in possesso di tale spada, Mathayus ingaggia un duro duello con Sargon il quale, alla fine, vedendosi sconfitto, si trasforma in un gigantesco scorpione nero e inizia ad attaccare il giovane, ma Mathayus ha la meglio su di lui e alla fine lo ucciderà. Restituirà poi la spada agli inferi.[3]

Il Re Scorpione[modifica | modifica wikitesto]

Ne Il Re Scorpione, Mathayus è un mercenario Accadico cresciuto nella Valle dei Morti e addestrato fin da giovane alle migliori arti da combattimento e con le armi. È un guerriero forte e veloce che predilige armi come l'arco e la spada. Agisce con altri due Accadi quando è reclutato dal re Pheron per uccidere Cassandra, la veggente di Memnone. Purtroppo il fratello Jesup è ucciso dal perfido e crudele Memnone e la missione fallisce miseramente. Scampato alla morte assieme ad Arpid nel deserto, si dirige con lui a Gomorra. Qui riesce a rapire Cassandra e poi fugge dalla città. Durante la fuga nel deserto alcuni uomini di Memnone lo raggiungono. Mathayus fa strage di soldati e riesce a uccidere anche il capo dei soldati di Memnone, Thorak. Quest'ultimo però riesce a ferirlo con una freccia nella cui punta è stato cosparso del veleno di uno scorpione. Mathayus subisce i dolori e gli effetti del veleno, ma grazie ai poteri di Cassandra si salva e il veleno mortale finisce col limitarsi a scorrere nel suo sangue. Unitosi con Balthazar, dopo averlo battuto in duello, e i suoi guerrieri Mathayus è costretto a ritornare a Gomorra in quanto Cassandra è ritornata lì, fuggita durante la notte perché aveva avvertito l'Accadico che se fosse rimasta lì i soldati di Memnone avrebbero distrutto il posto. Accompagnato da Balthazar e gli altri, Mathayus s'introduce a Gomorra e affronta Memnone. In un duello prolungato alla fine Mathayus ha ragione del Re nemico e lo uccide conficcandogli una freccia al centro del petto. Dopo l'esplosione provocata da Arpid e Philos che brucia buona parte dei nemici e del palazzo di Memnone, i superstiti soldati del Re si inginocchiano di fronte a Mathayus e lo proclamano nuovo Re. Mathayus diviene quindi il Re Scorpione.

Il Re Scorpione 3 - La battaglia finale[modifica | modifica wikitesto]

Ne Il Re Scorpione 3 - La battaglia finale, dopo la sua trionfante ascesa al potere, il regno del Re Scorpione è caduto e il sovrano ha perso la sua regina Cassandra. Ormai mercenario, Mathayus viene ingaggiato dal Re Horus per difendere il regno del suo alleato e sottomesso orientale, il Re Ramusan, da Talus, il fratello di Horus, uno spietato tiranno che vuole rubare il Libro dei Morti a Ramusan per risvegliare i tre guerrieri fantasma, Agromael, Tsukai e Zulu Kondo, nel tentativo di riconquistare il potere e la gloria di un tempo. Insieme a Mathayus parte anche Olaf, un guerriero germanico al servizio di Horus che, superate le prime divergenze con l'accadico, si affeziona a lui, nonostante l'alone di mistero che avvolge il passato di Mathayus. Arrivati nel regno di Ramusan, i due combattono numerose battaglie aiutati da Cobra, un guerriero che poi si scoprirà essere Silda, la principessa figlia di Ramusan che, per proteggere il suo popolo, ha istituito un gruppo di ribelli esperti in arti marziali orientali. Nonostante i loro sforzi, Talus uccide Ramusan e riesce ad impossessarsi del libro, evocando i tre invincibili guerrieri fantasma. Dopo aver scoperto la verità sul Re Scorpione, Olaf assiste alle prodezze di Mathayus che sconfigge Zulu Kondo per poi sferrare un attacco in massa insieme ai ribelli contro Talus e il suo esercito. Tuttavia le cose non vanno bene, poiché i due guerrieri fantasma rimasti sono indistruttibili e Olaf e Silda riescono a stento a trattenerli. Quando tutto però sembra essere perduto, Mathayus riesce a sottomettere i due guerrieri grazie all'aiuto del morente Ramusan e della formula magica sul libro dei morti, mentre Talus, catturato, viene linciato dai ribelli. Giunto sul posto al termine della battaglia, il Re Horus si congratula con Mathayus per aver salvato il regno orientale ma resta sorpreso quando scopre che il guerriero è stato nominato re delle terre orientali, con Silda come sua consorte ed Olaf come suo guerriero, poiché il popolo della principessa non vuole più essere sottomesso a nessuno fuorché al sovrano scelto da loro. Sebbene Horus inizialmente è restio a voler concedere l'autonomia al regno, accetta tuttavia di riconoscere al popolo la libertà dalla sottomissione per rispetto a Mathayus, che finalmente riottiene la gloria sotto il nome di Re Scorpione.

Il Re Scorpione 4 - La conquista del potere[modifica | modifica wikitesto]

Ne Il Re Scorpione 4 - La conquista del potere, Mathayus viene inviato, insieme al suo compagno Drazen (che è sotto la tutela dell'accadico), a recuperare un prezioso manufatto chiamato l'Urna del Re, capace di donare a chi ne sappia decifrare le iscrizioni grandissimi poteri. Mathayus però viene tradito da Drazen, che gli sottrae l'urna per portarla a suo padre Yannick, re di Norvania. Mathayus quindi lo insegue fino al suo reame. Qui il sovrano sembra intenzionato a stipulare una pace con il guerriero, ma è Drazen a non volerlo e infatti uccide suo padre e mette i soldati sulle tracce di Mathayus. Con per unici alleati una misteriosa donna e il di lei poco convenzionale padre, Mathayus deve ricorrere a tutta la sua forza e astuzia per sconfiggere il terribile avversari.

Il Re Scorpione 5 - Il libro delle anime[modifica | modifica wikitesto]

La mummia - Il ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Ne La mummia - Il ritorno, viene rappresentata la fine della vita umana del Re Scorpione e il suo risveglio 5.000 anni dopo, nel 1933, metà uomo e metà scorpione.

Mathayus, noto come il Re Scorpione, guidò nell'antica città egizia di Tebe nel 3067 a.C. il suo esercito in una campagna per conquistare il mondo allora conosciuto. Tuttavia venne sconfitto ed esiliato.[4] Pur di sopravvivere, il Re strinse un patto con Anubi: avrebbe eretto per lui una piramide d'oro oltre a consegnare la sua anima in cambio del potere di sconfiggere i suoi nemici.[4] Anubi gli risparmiò la vita, creando un'oasi dove poter costruire la piramide del Re Scorpione e consegnargli l'Armata di Anubi (una legione senza fine di guerrieri antropomorfi con la testa di sciacallo).[4] L'armata di Anubi si diffuse in tutto l'Egitto, distruggendo tutto ciò che incontrarono sul loro cammino, e una volta che ebbero finito, Anubi prese l'anima del Re Scorpione, e restituì "i suoi guerrieri alle sabbie dalle quali erano venuti."[4]

Anni dopo, il re si risveglia quando Alex O'Connell indossa il bracciale di Anubi.[4] Divenuto metà uomo e metà scorpione, il Re affronta Rick O'Connell e Imhotep, venendo però ucciso dal primo tramite la Lancia di Osiride.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Film News : Hollywood Insider - 6/10/10, in What's Playing, 10 giugno 2010. URL consultato il 10 giugno 2010 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2010).
  2. ^ Speciale L’Egitto: avventure e maledizioni nel mondo del cinema, su cinema.everyeye.it. URL consultato il 22 aprile 2018.
  3. ^ (EN) Il prequel del Re Scorpione in cantiere, ComingSoon, 18-10-2007. URL consultato il 18 gennaio 2008.
  4. ^ a b c d e f Travers, Peter, The Mummy Returns, in Rolling Stone, 9 maggio 2001. URL consultato il 1º aprile 2008 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2007).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema