Mastino abruzzese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mastino abruzzese
Cane da pastore Maremmano-Abruzzese.jpg
Classificazione FCI - n. 201
Gruppo 1 Cani da pastore e bovari (esclusi bovari svizzeri)
Sezione 1 Cani da pastore
Standard n. 201 del 27 novembre 1989 (en )
Nome originale Cane da pastore Maremmano-Abruzzese
Tipo Cane da pastore
Origine Italia
Altezza al garrese Maschio 70-80 cm
Femmina 65-75 cm
Razze canine

Il mastino abruzzese (detto anche pastore abruzzese, oppure cane da pecora) rappresenta l'originale varietà abruzzese di cane da guardia al gregge ed è caratterizzato dalla grande taglia. Questi cani hanno avuto molto successo come custodi del bestiame, cani da guardiania, specialmente negli Stati Uniti ed in Norvegia, dove sembra che riescano a difendere gli armenti perfino da orsi[1].

Uno speciale collare munito di spuntoni di ferro e chiamato vreccale viene indossato dai mastini per proteggerne la gola dagli attacchi dei lupi. La regione Abruzzo ha deciso di tutelare la razza, passando normative tese a salvaguardare il ceppo originale come distinto dal cane da pastore maremmano abruzzese della cinofilia ufficiale[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cani Portale Cani: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cani