Massimo Pedrazzini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Massimo Pedrazzini
Massimo Pedrazzini, Fiorenzuola.jpg
Pedrazzini esulta con la maglia del Fiorenzuola, a cavallo degli anni ottanta e novanta.
Nazionalità Italia Italia
Altezza 182 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 1991 - giocatore
Carriera
Giovanili
1969-1975 Milan
Squadre di club1
1975-1976 Cantù 25 (1)
1976-1979 Varese 70 (2)
1979-1981 Ternana 67 (5)
1981-1982 Sambenedettese 25 (0)
1982-1983 Triestina 28 (2)
1983-1984 Messina 28 (2)
1984-1985 Catanzaro 38 (0)
1985-1987 Salernitana 57 (3)
1987-1989 Mantova 55 (3)
1989-1991 Fiorenzuola 42 (15)
Nazionale
1977 Italia Italia U-20  ? (?)
Carriera da allenatore
1991-1996 Milan Giovanili
1996-1997 Inter Giovanili
1997-1998 Pro Sesto Giovanili
1998-2000 Inter Giovanili
2000-2001 Inter Vice
2001-2002 Verona Primavera
2002-2003 Nocerina Vice
2003 Monza Berretti
2003-2004 Monza
2004-2005 Steaua Bucarest Vice
2005-2006 Stella Rossa Vice
2006 Gaziantepspor Vice
2007 Al-Ain Vice
2007 Steaua Bucarest
2007-2009 Steaua Bucarest Vice
2009 Steaua Bucarest
2009 Palermo Vice
2010-2011 Al-Sadd Assistente
2011-2012 Al-Ain Assistente
2012-2013 Al-Nassr Vice
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'11 febbraio 2014

Massimo Pedrazzini (Milano, 3 febbraio 1958) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cresce calcisticamente nelle giovanili del Milan, senza riuscire ad esordire in prima squadra. Dopo una stagione al Cantù, in Serie D, nel 1976 approda in Serie B con la maglia del Varese, dove rimane per tre stagioni guadagnandosi il posto da titolare. Nel 1979 si trasferisce alla Ternana, sempre nella serie cadetta: nonostante il raggiungimento di una storica semifinale di Coppa Italia, a fine stagione gli umbri retrocedono in Serie C1, categoria in cui Pedrazzini viene riconfermato. Con gli umbri totalizza 67 presenze in campionato e 20 apparizioni tra Coppa Italia e Semiprofessionisti[1], perdendo la finale contro l'Arezzo nell'edizione 1980-1981.

Pedrazzini (a sinistra) alla Ternana nella stagione 1979-1980, in contrasto sul romanista Scarnecchia nel corso della semifinale di Coppa Italia.

In seguito torna a giocare nella serie cadetta, con la Sambenedettese, prima di passare alla Triestina, con cui vince il campionato di Serie C1 1982-1983[2]. Nella stagione successiva inizia il campionato con gli alabardati, e in ottobre ridiscende il terza serie, al Messina[3].

Nella stagione 1984-1985 coglie la sua seconda promozione in Serie B, con la maglia del Catanzaro di Giovan Battista Fabbri[4]. Nell'autunno 1985 viene acquistato dalla Salernitana, di nuovo in Serie C1, su esplicita richiesta dell'allenatore Gian Piero Ghio, che lo aveva già allenato a Terni[5]; vi rimane per due stagioni[6], nelle quali indossa anche la fascia di capitano[5]. Conclude la carriera con due annate nel Mantova (con una promozione dalla Serie C2 alla Serie C1, nel 1988, ancora da capitano[7]) e due nel Fiorenzuola, dove ottiene la promozione in Serie C2 (la prima del club emiliano)[8].

Ha totalizzato complessivamente 140 presenze e 3 reti fra i cadetti.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Ha partecipato al Campionato mondiale di calcio Under-20 1977.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizia l'attività di allenatore nel settore giovanile di Milan, Pro Sesto, Inter e Hellas Verona, dove allena la squadra Primavera[9]. Dopo una stagione alla Nocerina, come allenatore in seconda[9], nella stagione 2003-2004 da allenatore della Berretti subentra ad Oscar Piantoni alla guida del Monza in Serie C2[10].

Negli anni successivi si lega a Walter Zenga, entrando a far parte del suo staff per alcuni club stranieri: Steaua Bucarest, Stella Rossa, Gaziantepspor e Al-Ain[9]. Nel settembre 2007 è stato nominato allenatore ad interim della Steaua Bucarest dopo le dimissioni di Gheorghe Hagi, ma dopo alcune partite è tornato a ricoprire il ruolo di vice, questa volta di Marius Lăcătuș[11].

Nell'estate 2009 ha seguito Zenga al Palermo, ancora una volta nel ruolo di vice allenatore[12], e nella stagione 2010-2011 è il vice di Cosmin Olăroiu sulla panchina dell'Al Sadd, nel campionato qatariota[9]. Segue poi Olaroiu di nuovo all'Al Ain[9], e quindi passa all'Al Nassr come allenatore in seconda[9].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Triestina: 1982-1983
Catanzaro: 1984-1985
Mantova: 1987-1988
Fiorenzuola: 1989-1990

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]