Massimo Lenchantin de Gubernatis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Massimo Lenchantin de Gubernatis (Torino, 18841950) è stato un accademico e metricista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Latinista, insegnò al Liceo Baldessano di Carmagnola, al Liceo classico Cavour e al Liceo Alfieri di Torino, all'Università di Cagliari e di Pavia. Curò edizioni di scrittori classici (anche con commenti per l'insegnamento: le Odi di Orazio, i Carmi di Catullo, etc.)

Molto usati nelle scuole furono il suo "Manuale di prosodia e metrica greca" e il "Manuale di prosodia e metrica latina". In particolare, quest'ultimo, fu scritto a Pavia e terminato il 21 aprile 1934 (come si può leggere nella prefazione); la dedica, all'inizio del volume, è: A mia moglie Tyte quoniam concordes egimus annos auferat hora duos eadem...

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Lenchantin de Gubernatis: Cornelii Taciti libri ab excessu divi Augusti I-VI, Scriptores Graeci et Latini consilio Regiae Academiae Italicae editi, Romae, 1940 (xviii e.f.), Istituto Poligrafico dello Stato
  • M. Lenchantin de Gubernatis: Il libro di Catullo Veronese - Collezione dei classici greci e latini - Casa Editrice Chiantore, Torino, 1943 (xxi e.f.)
  • M. Lenchantin de Gubernatis: Manuale di prosodia e metrica latina ad uso delle scuole - Nuova ristampa - Casa Editrice Giuseppe Principato, Milano-Messina, 1965
Controllo di autoritàVIAF (EN24998998 · ISNI (EN0000 0001 1794 8242 · SBN IT\ICCU\RAVV\061294 · LCCN (ENn84030493 · GND (DE14293352X · BNF (FRcb10092787b (data) · BAV ADV10051288