Massimo Inguscio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Massimo Inguscio (Lecce, 26 gennaio 1950) è un fisico italiano. Dal febbraio 2016 è presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi con lode nel 1972 in fisica presso l'Università di Pisa, nel 1976 ha conseguito il dottorato presso la Scuola Normale Superiore di Pisa.

È stato visiting scholar presso l'Università del Colorado a Boulder, presso il Collège de France e l'Istituto Max Planck di ottica quantistica. Dal 1991 è professore di fisica presso l'Università di Firenze. Dal 2014 al 2016 è stato presidente dell'Istituto nazionale di ricerca metrologica, mentre dal febbraio 2016 è presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

È membro dell'Academia Europæa, dell'Istituto Lombardo e dell'Accademia dei Lincei, Fellow dell'American Physical Society e dell Optical Society of America.

Nel novembre 2016, presso l'Università di Pavia, riceve dal rettore Fabio Rugge la medaglia teresiana, onorificenza conferita a personalità illustri, tradizionalmente ospitate in occasione dell'inaugurazione dell'anno accademico.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 gli è stato conferito il Grand Prix Scientifique dell'Académie des Sciences e dell'Istituto di Francia (Fondation Simon e Cino del Duca), e nel 2009 ha ricevuto un Advanced Grant del Consiglio Europeo della Ricerca. Nel 2014 gli è stato assegnato il premio Herbert Walther.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Massimo Inguscio, chi è il nuovo presidente del Cnr al posto di Nicolais, 16 Febbraio 2016. URL consultato il 28 Febbraio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN66554051 · ISNI (EN0000 0001 0910 7304 · SBN IT\ICCU\MILV\082504 · LCCN (ENn83183124 · ORCID (EN0000-0001-8152-8103 · BNF (FRcb12413124b (data) · WorldCat Identities (ENn83-183124