Massimo Gatti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Massimo Gatti (Roma, 19 novembre 1943Milano, 13 novembre 2015) è stato un fotografo e imprenditore svizzero.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Massimo Gatti, cittadino svizzero residente a Londra[1], svolge la professione di imprenditore e merchant banker, operando per molti anni negli Stati Uniti d'America. Dal 2000 si dedica alla fotografia. Pubblica 5 libri di foto con Electa editore e l'ultimo con Skira su Eleonora Abbagnato, prima ballerina dell'Opéra de Paris. Il 17 febbraio 2013 viene inaugurata a Los Angeles la sua mostra Etoile, che ritrae sempre la Abbagnato. Nel mese di febbraio 2015 espone sue foto del lavoro Witness of Silence[2] all'Università Commerciale Luigi Bocconi di Milano[3]. Due opere restano in permanenza nella collezione d'arte della Bocconi.

Si toglie la vita con un colpo di pistola nella sua casa milanese[4][5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L.S., È Eleonora Abbagnato l'ultimo obiettivo di Massimo Gatti, in Panorama. URL consultato l'11 febbraio 2018.
  2. ^ www.lettera.43.it - dell'11/2/2015, su lettera43.it. URL consultato il 16 febbraio 2015 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2015).
  3. ^ www.dagospia.it - del 12/2/2015
  4. ^ Una vita al massimo che si è conclusa con un colpo di pistola, in Dagospia, 16 novembre 2015. URL consultato l'11 febbraio 2018.
  5. ^ Zanuaria Piromallo, Massimo Gatti, addio al fotografo “simbolo” della Milano da bere, in Il fatto quotidiano, 19 novembre 2015. URL consultato l'11 febbraio 2018.
Controllo di autoritàVIAF (EN307419978 · ISNI (EN0000 0004 3025 7739 · LCCN (ENn2014055327 · BNF (FRcb167324968 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n2014055327
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie