Massimo Brutti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massimo Brutti
Defense.gov News Photo 980630-D-2987S-003.jpg
Brutti, a sinistra, viene accolto al Pentagono nel 1998

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XI, XII, XIII, XIV, XV
Gruppo
parlamentare
l'Ulivo
Coalizione L'Unione
Circoscrizione Lazio (dall'XI alla XIV legislatura) e Campania (XV)
Collegio Roma VI (XI) e Roma Tuscolano 6 (XII, XIII e XIV)
Incarichi parlamentari
  • Membro della Commissione Giustizia
  • Vicepresidente del Comitato servizi di sicurezza
  • Membro della Commissione d'inchiesta sul fenomeno della mafia
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico della Sinistra, Democratici di Sinistra, Partito Democratico
Titolo di studio Laurea
Professione Docente universitario

Massimo Brutti (Roma, 1º ottobre 1943) è un politico e accademico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in giurisprudenza, è professore ordinario di diritto romano presso l'Università La Sapienza di Roma. Politicamente vicino al Partito Comunista Italiano, fu favorevole alla svolta della Bolognina con cui il PCI si trasformò in Partito Democratico della Sinistra e con il PDS venne eletto senatore nel 1992; ha confermato il suo seggio a Palazzo Madama per cinque legislature consecutive (facendosi eleggere in Campania nelle elezioni politiche del 2006 in quota Democratici di Sinistra) e nel corso della sua carriera politica ha fatto parte di numerose commissioni parlamentari.

Dal 28 aprile del 2006 è vicepresidente del Comitato parlamentare per i servizi di informazione e sicurezza e per il segreto di Stato: in questa veste ha duramente criticato il collega Paolo Guzzanti che, a suo dire, ha gestito in maniera faziosa la commissione sul Dossier Mitrokhin da lui presieduta.

Massimo Brutti, che dal 2002 è il responsabile del settore giustizia dei DS, è stato sottosegretario al Ministero della Difesa nel primo governo Prodi e nel primo governo D'Alema ed al Ministero dell'Interno nel secondo governo D'Alema e nel secondo governo Amato.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN243320394 · SBN: IT\ICCU\MILV\088914