Massimiliano Vado

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Massimiliano Vado (Savona, 20 luglio 1970) è un attore, regista e personaggio televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Savona, si diploma prima alla Scuola del Teatro stabile di Roma diretto da Maurizio Scaparro e poi si trasferisce a Venezia per specializzarsi alla Scuola del Teatro stabile del Veneto "Carlo Goldoni", diretto da Mauro Carbonoli. Prosegue gli studi con Danio Manfredini e con l'Odin Teatret, grazie ai corsi gratuiti istituiti dal Teatro di Roma diretto da Mario Martone, e poi con Gisella Burinato e all'Hb studio di New York.[1]

A teatro alterna testi classici e moderni, diretto tra gli altri da Giuseppe Patroni Griffi (con cui collabora anche come traduttore di testi di Miller, Rostand e Shakespeare), Sebastiano Lo Monaco direttore del teatro stabile di Messina, Alessandro Benvenuti nello spettacolo Delitto per Delitto (con Alessandro Gassmann e Beppe Fiorello), Luciano Damiani con cui realizza uno spettacolo-documento dedicato a Giorgio Strehler e al Piccolo teatro di Milano[2], Daniele Pecci alla sua prima regia teatrale, Alvaro Piccardi, Matteo Tarasco e Massimiliano Bruno[3].

Le sue collaborazioni più ampie sono con Roberto Guicciardini, di cui è primo attore (nella parte di Tito Belcredi nell'Enrico IV di Pirandello e poi quella di Iago nell'Otello shakespeariano tradotto da Masolino d'Amico)[4] e aiuto regia (suo il riallestimento al teatro Diego Fabbri di Forlì della commedia pirandelliana), e con Marco Maltauro[5], con cui collabora dal 2005 in vari progetti teatrali e cinematografici, prodotti dalla Casa di Goethe/Goethe Institute e distribuiti nei musei tematici di Italia e Germania.[6]

Come regista affronta testi di Mamet, Goethe, Beckett, e dal 2009 fonda e fa parte di "Voci nel Deserto"[7], progetto di teatro civile.[8][9] Per il Todi Festival 2014 dirige e interpreta, con Michela Andreozzi, Ring, testo di Leonore Confino, candidato al Premio Moliere[10], mentre al Festival dei Quartieri dell'Arte dirige contemporaneamente Altri Libertini di Pier Vittorio Tondelli e Incendi di Mouawad.

Fra i suoi ruoli più importanti in televisione: Distretto di Polizia 5 nel 2005, regia di Roy Bava, Distretto di Polizia 6 scelto dal regista Antonello Grimaldi per il ruolo trasversale del Medico Legale, R.I.S. 4 - Delitti imperfetti regia di Pier Belloni nel 2007. Da novembre 2009 è entrato a far parte del cast ricorrente della soap opera CentoVetrine[11], regia di Michele Rovini e Fabrizio Portalupi, con il ruolo di Zeno Bauer. Poi "Benvenuti a Tavola 2", "Il Restauratore" con Lando Buzzanca, "Caso di Coscienza 5", "Ombrelloni" e "Sposami". Prende poi parte alla fiction "I delitti del Bar Lume", diretta da Rohan Johnson,, "L'Allieva", tratta dal romanzo di Alessia Gazzola, diretta da Luca Ribuoli e con Alessandra Mastronardi, e "Rimbocchiamoci le maniche, ispirata a "L'onorevole Angelina", diretta da Stefano Reali e con Sabrina Ferilli. Per il cinema viene diretto da Massimiliano Bruno prima in "Nessuno mi può giudicare" e poi in "Viva l'Italia", da Claudio Insegno in "Una Notte agli Studios" e da Alessio Maria Federici nel remake del film francese "La chanche de ma vie": "Stai lontana da me" e poi in "Tutte lo Vogliono", sempre con Enrico Brignano, oltre che da Roberto Burchielli in "Sbirri".

Insieme a Claudia Gerini partecipa, come concorrente alla trasmissione televisiva Dance Dance Dance e dal 2013 collabora con la rivista satirica online Prugna.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2013 è legato sentimentalmente all'attrice Michela Andreozzi, e il 21 maggio 2015 la coppia si è unita civilmente.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

  • Enrico IV di Luigi Pirandello, ripresa della regia di Roberto Guicciardini (2006)
  • L'educazione sentimentale delle femmine della specie di Massimiliano Vado (2012)
  • Sembro proprio un orso del nord sceso dalle montagne, di Johann Wolfgang von Goethe (2012)
  • Cultura + legalità = Libertà, l'arte contro le mafie di Carlo Alberto Dalla Chiesa, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino (2012)
  • Francoquadri di Massimiliano Vado, finalista Premio "Dante Cappelletti" (2012)
  • Ri@spettando Godot di Domenico d'Angelo da Samuel Beckett (2013)
  • Crimini tra amici di Ed Schmidt (2013-2016)
  • Diversamente giovani di Michela Andreozzi e Luca Manzi (2013)
  • Maledetto Peter Pan di Michèle Bernier e Marie Pascale Osterrieth (2014-2017)
  • Ring di Leonore Confino (2014-2017) - Todi Festival poi in tournée
  • Vintage di Andreozzi - Vado (2015-2016)
  • Incendies di Wajdi Mouawad (2015) - Quartieri dell'Arte Festival
  • Vento e bufera / Altri libertini di Pier Vittorio Tondelli, riscrittura scenica di Michele di Vito, (2015) - Quartieri dell'Arte Festival
  • L'amante del vulcano, Lady Hamilton di Susan Sontag con Marta Zoffoli (2015)
  • Martyrium famis di Giulia Fiume (2016) - shortlab
  • Tutto suo padre di Luca Biagini (2016) - shortlab
  • The Conference di Marco Calvani (2016) - Quartieri dell'Arte Festival
  • Il bagno di Astrid Veillon, con Stefania Sandrelli (2016-2017)
  • Le dive dello swing di Federico, Serafini Prosperi, Vado, con Ladyvette (2017)
  • Tutto da sola di G.Nervi, rassegna "Una stanza tutta per lei" (2017)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Sceneggiatore[modifica | modifica wikitesto]

  • Sconnessi di Andreozzi, Marazziti, Vado, regia di Christian Marazziti (2017)[33]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

  • Happy Hour di Luciano Ligabue, regia Fabio Jansen. WMI Italy
  • Welcome to Italy di Piji, regia Federico Cangianiello e Andrea Micheloni. Carosello Records[34]
  • Imparerò di Luca d'Aversa. SoulTubeStudio
  • L'amore ai tempi dello swing di Piji, regia Marco Castaldi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]