Massimiliano Civica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Massimiliano Civica (Rieti, 27 febbraio 1974) è un regista teatrale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver conseguito presso l'Università La Sapienza di Roma la laurea in Metodologia della critica dello spettacolo, studia presso l'Odin Teatret di Eugenio Barba e successivamente viene ammesso al corso di regia presso l'Accademia nazionale d'arte drammatica. Infine lavora presso il Teatro della Tosse di Genova, collaborando con Emanuele Luzzati e Tonino Conte.

Nel 2007 viene nominato direttore artistico del Teatro della Tosse, diventando il più giovane direttore artistico d'italia[1] e dando vita al progetto triennale Facciamo insieme teatro[2], che vince il Premio ETI.

In seguito il suo Il mercante di Venezia vince il Premio Ubu 2008 per la miglior regia[3], spettacolo che otterrà il Premio Vittorio Mezzogiorno dell'anno seguente[4].

Nel 2010 dirige Un sogno nella notte dell'estate, tratto dall'opera di William Shakespeare e prodotto dal Teatro Stabile dell'Umbria, ottenendo poca fortuna.

A partire da questo momento Civica dà inizio a una fase di vera e propria rinascita artistica che passa per Soprattutto l'anguria, uno spettacolo che parla del rapporto tra due fratelli, e culmina con Alcesti di Euripide, vincitore nel 2015 del Premio Ubu come miglior regia[5]. Lo spettacolo incontra un grande successo anche grazie alle attrici Daria Deflorian, Monica Demuru e Monica Piseddu; e alla collaborazione con Daniela Salernitano.

Si dedica quindi all'insegnamento: tiene laboratori di recitazione, svolgendo poi il ruolo di docente universitario presso la cattedra di Metodologia della critica dello spettacolo dell'Università La Sapienza e quella di regia presso l'Accademia di belle arti di Genova. Gli vengono infine affidati gli insegnamenti di regia e recitazione teatrale presso l'Accademia nazionale d'arte drammatica.[6]

Nel 2016 debutta con Un quaderno per l'inverno, spettacolo scritto da Armando Pirozzi. Lo spettacolo vince il Premio Ubu come miglior regia[7] (ex aequo con Massimo Popolizio) e miglior testo italiano.

Da gennaio 2018 è consulente artistico della direzione del Teatro Metastasio di Prato[8].

Tuttora è docente regia teatrale e tecniche della recitazione presso l'Accademia nazionale d'arte drammatica.

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Massimiliano Civica. Intervista. URL consultato il 23 aprile 2020.
  2. ^ Teatro della Tosse - Genova, su www.teatrodellatosse.it. URL consultato il 23 aprile 2020.
  3. ^ premi ubu 2008 | ubulibri, su ubulibri.it. URL consultato il 23 aprile 2020.
  4. ^ Premio Vittorio Mezzogiorno, su Saverio Ferragina Press Agent. URL consultato il 23 aprile 2020.
  5. ^ I vincitori, su www.ubuperfq.it. URL consultato il 23 aprile 2020.
  6. ^ Massimiliano Civica, su Accademia Nazionale d'Arte Drammatica Silvio d'Amico. URL consultato il 23 aprile 2020.
  7. ^ I vincitori, su www.ubuperfq.it. URL consultato il 23 aprile 2020.
  8. ^ Massimiliano Civica consulente artistico del teatro Metastasio, su Il Tirreno, 30 gennaio 2018. URL consultato il 23 aprile 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Un sogno nella notte dell'estate, Editoria & Spettacolo, Spoleto, 2010[1]
  • La fortezza vuota. Discorso sulla perdita di senso del teatro. Edizioni dell'Asino, Roma, 2015[2]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ SBN - Scheda dettagliata "Un sogno nella notte dell'estate", su opac.sbn.it. URL consultato il 25 aprile 2020.
  2. ^ (IT) Massimiliano Civica, La fortezza vuota : discorso sulla perdita di senso del teatro / di Massimiliano Civica e Attilio Scarpellini, su opac.sbn.it, 20 aprile 2020. URL consultato il 25 aprile 2020.