Massimiliano Castellani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Massimiliano Castellani

Massimiliano Castellani (Spoleto, 1969) è un giornalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la laurea in filosofia con una tesi su Hannah Arendt, si è diplomato alla Scuola di Giornalismo di Urbino.

Ha iniziato la carriera di giornalista collaborando con Il Messaggero, e attualmente lavora nella redazione sportiva del quotidiano Avvenire, di cui è capo dei servizi sportivi dall'estate 2015.

Dieci anni fa ha iniziato un'inchiesta intorno alle morti e le malattie misteriose che funestano il mondo del calcio, confluita nel 2003 nel suo primo libro (insieme a Fabrizio Calzia), Palla avvelenata. Morti misteriose, doping e sospetti nel calcio italiano, (Bradipolibri), che fa luce sull'abuso di farmaci e sostanze dopanti tra i calciatori.

Convinto che lo sport, e il calcio in particolare, possa ancora avere una sua letteratura ha pubblicato nel 2005, per Sugarco Edizioni, il suo secondo libro Continuano a pensare con i piedi.

Il suo ultimo lavoro, Il Morbo del Pallone. Gehrig e le sue vittime, (2009 Selene edizioni), è un dossier sul legame tra il calcio e la SLA (Sclerosi laterale amiotrofica).

Diversi racconti dell'autore sono apparsi in varie antologie tra cui:

  • Em Bycicleta. Presidio di fabulazione sportiva, Sedizioni, 2005
  • La prima cena, Librandomi, 2006
  • Che razza di gioco è questo, Sedizioni, 2009

Libri[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9244216 · LCCN (ENn2004101056 · WorldCat Identities (ENlccn-n2004101056
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie