Massime conversazionali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le massime conversazionali – definite negli anni Settanta nella teoria della conversazione del filosofo inglese Herbert Paul Grice – sono i principi regolativi che governano la conversazione secondo logica e pertinenza, come pure nel rispetto del principio di cooperazione fra parlanti [1][2].

Le quattro massime[modifica | modifica wikitesto]

Grice individua quattro tipi di massime per cooperare alla conversazione mediante enunciati; ordinate recuperando le quattro categorie filosofiche kantiane di quantità, qualità, relazione e modo, le massime enuncleate sono così esemplificate [1][2]:

  • per la quantità, “Non essere reticente o ridondante”: il contributo alla conversazione sarà informativo quanto richiesto; non ci si aspetta che un parlante dia un'informazione sovrabbondante o che dica troppo poco. Piuttosto, egli fornirà l'informazione necessaria – né più né meno.
  • per la qualità, “Sii sincero, e fornisci informazione veritiera secondo quanto sai”: il parlante non dirà ciò che ritiene falso o ciò di cui non ha prove sufficienti – il contributo alla conversazione sarà vero.
  • per la relazione, “Sii pertinente”: il parlante cercherà di essere pertinente all'argomento della conversazione.
  • per il modo, “Evita l'ambiguità”: il parlante adotterà parole che gli permettano di non risultare ambiguo o oscuro.

Violazione delle massime[modifica | modifica wikitesto]

Le massime costituiscono delle norme comportamentali in genere seguite dal parlante, ma finanche violate in determinati casi. Se un parlante vìola una o più massime, non significa necessariamente che egli stia rifiutando la cooperazione; conscio di ciò, l'interlocutore tenterà di armonizzare l'apparente inconciliabilità fra la violazione e il desiderio di cooperare, non rinunciando dunque a presumerlo nel parlante [1].

Chi ascolta, insomma, «deve comprendere che l'informazione che riceve in forma esplicita non soddisfa le esigenze della conversazione, e deve quindi cercare di recuperare deduttivamente il contenuto implicito di cui la stessa informazione difetta» [3]. Questa parte mancante, ricostruita a partire dalla violazione di una massima, è detta da Grice implicatura conversazionale [4].

Così, ad esempio, se a un professore universitario viene chiesto che ne pensa di un certo studente, e lui risponde “Conosce la lingua italiana”, vedremo infranta la massima della quantità: l'informazione, non certo falsa, risulta però reticente e al contempo ironica [5].

Se invece Luigi osserva “Monica è stata proprio carina con me” dopo che lei gli ha versato un cocktail addosso, egli sta deliberatamente violando la massima della qualità (pure in questo caso, nel tentativo di ricorrere all'ironia).

L'intento della violazione non è sempre e solo ironico. Se Luigi chiede a Monica “Hai visto Franco?”, e lei risponde “È passata ora una decappottabile bianca”, sarà violata la massima della relazione. A questo punto Luigi cercherà comunque pertinenza nella risposta, magari supponendo che Franco possegga una decappottabile bianca [6]. Un esempio simile è possibile in chiave ironica: se Luigi chiede a Monica “Ci sono molti comunisti in questa città?”, lei potrebbe rispondergli Non vedo bambini (pure qui, violando la massima della relazione).

Alle volte si viola una massima in ossequio a un'altra massima: così, ad esempio, se Monica chiede a Luigi “Dove abita Paolo?” e Luigi risponde “Da qualche parte nel nord del Belgio”, questi viola la massima della quantità per non violare quella della qualità (in quanto ritiene di non saperne abbastanza per essere più preciso) [7].

La violazione volontaria delle massime è talvolta in relazione con l'utilizzo di figure retoriche:

«Sei un lampo!»

Se detto di una persona lenta, rappresenta violazione della massima della qualità, in quanto il contenuto dell'affermazione è falso.

«Non era esattamente sobrio.»

Detto di uno ubriaco, è ancora violazione della stessa massima, sì, ma questa volta con litote.

In alcuni casi, una violazione delle massime di Grice ha funzione pragmatica. Ad esempio, se Marco chiede a Flavio “Chi è 'sta grassona?” [indicando quella che è la moglie di Flavio], questi potrebbe rispondere “Bello il tempo oggi, eh?” [7].

Una volontaria violazione della massima del modo avviene quando non si vuole far comprendere il significato della conversazione a chi è presente in quel momento (ad esempio, bambini o estranei) [7].

In ultima analisi, la violazione sistematica di una o più massime conversazionali tende a realizzare significati diversi dal semplice significato composizionale di un enunciato: «Le massime [...] possono anche venire violate, ma rimangono immanenti alla comunicazione» [2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Beccaria (a cura di), Dizionario di linguistica, 2004, cit., p. 485.
  2. ^ a b c Serianni, Antonelli, Manuale di linguistica italiana, 2011, cit., p. 100.
  3. ^ (FR) Martine Bracops, Introduction à la pragmatique: les théories fondatrices : actes de langage, pragmatique cognitive, pragmatique intégrée, De Boeck Supérieur, 2005, p. 84.
  4. ^ La definizione è ricavata da Beccaria (a cura di), Dizionario di linguistica, 2004, cit., p. 485.
  5. ^ L'esempio è tratto da Beccaria (a cura di), Dizionario di linguistica, 2004, cit., p. 485.
  6. ^ L'esempio è tratto da Serianni, Antonelli, Manuale di linguistica italiana, 2011, cit., p. 101.
  7. ^ a b c Carlo Penco e Marcello Frixione, Lezioni di filosofia del linguaggio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica