Massese (pecora)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massese
Specie ovina
Massese2.JPG
Localizzazione
Diffusione Toscana
Aspetto
Vello quasi sempre nero o grigio scuro con lana di scarsissimo valore
Allevamento
Utilizzo produzione di latte da cui ricavare formaggi o carne (soprattutto degli agnelli)
Prole media gli agnelli nascono generalmente in primavera, uno per pecora (raramente due)

La massese è una razza ovina italiana originaria della provincia di Massa, in Toscana. È nota anche come fornese perché si è diffusa a partire dall'omonima località di Forno sulle Alpi Apuane.[1]

Diffusione[modifica | modifica wikitesto]

La massese è allevata in Toscana, Emilia, Liguria ed Umbria.[1]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La massese è una pecora di taglia media: il maschio mediamente è alto al garrese circa 85 cm e pesa 90 kg mentre la femmina è alta 77 cm per un peso di 65 kg. Particolarità della massese sono la presenza delle corna anche nelle femmine e la lana scura, di colore generalmente nero, grigio o marrone.[1]

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

È una razza allevata prevalentemente per la sua attitudine alla produzione di latte, con una media di 120/150 kg annui.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d La pecora massese, Agraria.org. URL consultato il 14/08/2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • G. Menegon - F. Pivotti - G. Xiccato Fondamenti di tecnologia agraria Liviana editore 2003

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]