Massacro di Menemen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Massacro di Menemen
strage
İzmir location Menemen.svg
TipoStrage
Data17 giugno 1919
LuogoMenemen, Vilayet di Aidin
odierna provincia di Smirne, Turchia
StatoImpero ottomano Impero ottomano
Obiettivoturchi
ResponsabiliEsercito greco
Conseguenze
Morti200
Feriti200

Il massacro di Menemen fu un massacro di civili turchi da parte dell'esercito greco il 16-17 giugno 1919 nella città di Menemen, subito dopo lo sbarco e l'occupazione greca della vicina Smirne, durante la guerra greco-turca dopo la prima guerra mondiale.

Uccisioni[modifica | modifica wikitesto]

Il prefetto ottomano di Menemen, Kemal Bey, e i sei gendarmi che lo accompagnavano furono assassinati dai soldati greci la sera del primo giorno. Queste morti rappresentarono l'atto di apertura per ulteriori uccisioni compiute sulla popolazione civile di Menemen nel giorno successivo da una brigata cretese aiutata da complici della minoranza greca locale. L'evento venne descritto come un massacro da una commissione inter-alleata di quattro generali in rappresentazione delle potenze alleate.[1] La commissione affermò anche che il massacro non venne organizzato dal Comando greco, ma fu il risultato del panico e della rabbia delle giovani truppe che erano ancora colpite dagli eventi di Pergamo (Bergama) e che i loro ufficiali non erano stati in grado di placare.[2] A Pergamo, gli irregolari turchi che riconquistarono la città uccisero gli abitanti turchi che in precedenza avevano accolto i greci e massacrarono e torturarono i loro prigionieri di guerra greci.

Il numero di vittime tra la popolazione civile turca della città durante il solo giorno del 17 giugno varia tra duecento, secondo il rapporto dell'ottobre 1919 redatto dalla Commissione interalleata, a mille, secondo una delegazione arrivata il giorno successivo (18 giugno 1919). Il capitano Charns, il capo di quella delegazione, mise a confronto il numero delle vittime turche con l'inesistenza di qualsiasi ferito greco, sia civile che militare. Il rapporto di ottobre, preparato dagli ufficiali britannici e dai delegati medici dei consolati britannico e italiano a Smirne, respinse la cifra delle 1000 vittime come un'esagerazione, rilevando che almeno in 100 erano morti e menzionando l'indagine di un ufficiale francese il giorno successivo al rapporto del massacro che 200 turchi erano stati uccisi e 200 feriti.[3] L'esercito greco affermò di essere stato attaccato nella città, ma la commissione non diede credito alle loro dichiarazioni.[4] Rilevarono solo i greci come responsabili dello spargimento di sangue.[5]

Gli eventi causarono le proteste dallo Shaykh al-Islām ottomano.[6] Il demografo Justin McCarthy, respingendo i risultati della Commissione inter-alleata, ha affermato che il massacro era stato pianificato in anticipo, indicato dal fatto che prima degli attacchi tutte le case greche della città erano state contrassegnate da croci bianche e che non erano state colpite dal saccheggio e dalla distruzione.[7]

Resoconti contemporanei[modifica | modifica wikitesto]

L'ammiraglio britannico Calthorpe, commentando a Londra il fatto che alcuni turchi di Menemen erano riusciti a sopravvivere, dichiarò:

«A mio parere i greci sono responsabili di tutta la faccenda [...] Solo la loro totale mancanza di organizzazione ha impedito loro di ottenere una maggiore misura di successo. È anche possibile che la presenza inaspettata di testimoni britannici li abbia un po' raffreddati.»

(Somerset Gough-Calthorpe[8])

Celal Bayar, il terzo presidente turco, scrisse la testimonianza di un commerciante locale, Çerkes Sefer Efendi.

«Eravamo seduti con alcune persone nella caffetteria del mercato. Verso mezzogiorno abbiamo sentito degli spari provenire dal quartiere greco, tutti hanno iniziato a correre verso le loro case e a chiudere i negozi. Mi sono subito buttato in casa mia. Piovevano proiettili sulla città. Questo incendio divampato in mezz'ora è durato fino alle quattro del pomeriggio. Per capire cosa stava succedendo sono uscito di casa. Uscendo in strada vidi tre donne morte davanti a me. Ho fatto un passo o due. Da una parte giaceva un bambino di dieci anni. Sono avanzato un po' di più. Una ragazza, colpita al ginocchio, impallidiva di paura, in attesa di soccorso. Ora non osavo andare oltre. Il mio vicino İshak Efendi è stato ucciso davanti a casa sua. Sono tornato a casa. Dopo un po', Todori, il mio servitore nell'orto della mia fattoria vicino alla città, è venuto piangendo, mi ha detto che il suo vice Ahmet è stato ucciso e che il mio bestiame è stato preso dai greci. Non sono uscito di casa fino a mercoledì 18 giugno. Un giorno l'ordine è stato ripristinato. Hanno detto che i rappresentanti britannici e francesi provenivano da Izmir (Smirne). Ho ripreso coraggio e sono uscito di casa. Ho visto i cadaveri turchi portati con i carri al cimitero islamico del quartiere e lì seppelliti.[9]»

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ The Council of Heads of Delegations: minutes of meetings November 6, 1919, to January 10, 1920, in Papers relating to the foreign relations of the United States, pp. 55-56-70. URL consultato l'11 giugno 2014.
  2. ^ Rivista marittima, Ministerio della marina., 1920, p. 369. URL consultato il 13 giugno 2021.
  3. ^ Report of the Inter-Allied Commission of Inquiry (May-September 1919) by the Members of the Commission; Adm.
  4. ^ "United States Department of State / Papers relating to the foreign relations of the United States, The Paris Peace Conference, 1919 (1919), su digicoll.library.wisc.edu. URL consultato il 15 giugno 2014.
  5. ^ James B. Gidney, A mandate for Armenia, Kent State University Press, 1967, p. 118.
    «Parte del conseguente spargimento di sangue fu attribuita a entrambe le parti, ma parte, per esempio quella a Menemen, solo ai greci.»
  6. ^ "Greece in Asia Minor: The Greek Administration of the Vilayet of Aidin, 1919 - 1922" (PDF), su kclpure.kcl.ac.uk, 1984. URL consultato il 5 June 2014.
    «Questi incidenti furono usati dallo Sheik-ui--Islam per accusare le truppe greche di presunte atrocità contro la popolazione turca.»
  7. ^ Justin McCarthy, Death and Exile: The Ethnic Cleansing of Ottoman Muslims, 1821-1922, Darwin Press, 1996, p. 270 ISBN 0-87850-094-4.
  8. ^ Foreign Office document FO 371/4220, № 112194, Calthorpe to Curzon, Constantinople, 22 July 1919.
  9. ^ Celâl Bayar: Ben de yazdım: Millî mücadeleʼye gidiş, Baha Matbaası, 1972, sayfalar 2532-2536. "Çarşı kahvesinde eşraftan birkaç kişi oturuyorduk. Öğleye doğru Rum mahallesinden silah sesleri gelmeye, herkes dükkânlarını kapayıp evlere doğru koşmaya başladı. Ben de derhal kendimi evime attım. Şehrin üzerine mermi yağıyordu. Saat yarımda başlayan bu ateş öğleden sonra dörde kadar sürdü. Ne olup bittiğini anlamak üzere kendimi dışarıya attım. Sokağa adımımı atar atmaz önümde üç kadının cansız yattığını gördüm. Bir iki adım ilerledim. Bir yanda on yaşında bir erkek çocuk yatıyordu. Biraz daha ilerledim. Dizinden vurulmuş bir kız çocuğu kapı önünde yuvarlanmış, korkudan rengi uçmuş, imdat bekliyordu. Artık daha ileriye gitmeye cesaret edemedim. Komşum İshak Efendi de evinin önünde öldürülmüştü. Tekrar eve döndüm. Bir süre sonra kasaba yakınındaki çiftlik bahçemde çalışan hizmetçim Todori geldi, ağlayarak yardımcısı Ahmet'in öldürüldüğünü, sığırların da Yunanlılar tarafından alındığını anlattı. 18 Haziran Çarşamba gününe kadar evimden çıkmadım. O gün asayiş sağlandı. İzmir'den İngiliz ve Fransız mümessilleri geldi dediler. Biraz cesaret alarak çıktım. Mahallemizin İslam mezarlığı yönünde arabalarla Türk ölülerinin götürülerek gömüldüğünü gördüm."[1]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]