Masai bianca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Masai bianca
Titolo originale Die weiße Massai
Lingua originale tedesco-Swahili
Paese di produzione Germania
Anno 2005
Durata 113 min
Genere drammatico
Regia Hermine Huntgeburth
Soggetto Corinne Hofmann
Sceneggiatura Johannes W. Betz
Produttore Günter Rohrbach
Produttore esecutivo François Ivernel
Casa di produzione Bayerischer Banken-Fonds
Fotografia Martin Langer
Montaggio Eva Schnare
Musiche Niki Reiser
Scenografia Susann Bieling
Costumi Maria Dimler
Interpreti e personaggi

Masai bianca è un film del 2003 di Hermine Huntgeburth, tratto dall'omonima autobiografia di Corinne Hofmann.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

È la storia di una donna svizzera, Carola Lehmann che decide di fare una vacanza in Kenia con il suo fidanzato, Stefan. Ma dopo quasi due settimane di permanenza, l'ultimo giorno, la coppia incontra due guerrieri Masai che li aiutano. Carola si sente attratta da uno di questi, Lemalian Mamuteli, e se ne innamora. Quando giunge il giorno della partenza e Carola si reca con Stefan all'aeroporto; ad un certo punto lei gli dice che non ha intenzione di tornare in patria e lo lascia solo. La protagonista allora ritorna a Nairobi e di lì giunge nel villaggio del guerriero dove un prete italiano, Padre Bernardo, le dà indicazioni in merito allo stile di vita degli abitanti del villaggio. Carola va a vivere con Lemalian nella capanna della madre di quest'ultimo e si adatta al nuovo tetto che, sebbene sia un po' precario, concede lo stesso ai due fidanzati un po' di intimità. Essi decidono di sposarsi e si sistemano economicamente, dal momento che Carola apre un negozio che vende un po' di tutto. Ma le differenze culturali incominciano a farsi sentire, infatti Lemalian è possessivo ed è ossessionato dall'idea che sua moglie possa tradirlo. Nasce una bambina, ma la gelosia di Lemalian verso la moglie non fa che peggiorare; nel corso di una lite, i due vengono alle mani. A questo punto Carola è costretta a fare una difficile scelta: con una scusa parte per la Svizzera insieme alla la figlia, promettendo a Lemalian di ritornare, ma nel finale si comprende che lui è ormai rassegnato a non vederle mai più.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN202799148 · GND: (DE7698217-8
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema