Mary Stewart

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mary Stewart (Sunderland, 17 settembre 1916Loch Awe, 10 maggio 2014) è stata una scrittrice britannica.

La sua produzione comprende numerosi romanzi ibridi fra il genere thriller e quello romantico, forma narrativa di cui Stewart era considerata maestra, e una saga di romanzi fantasy storici che rinarrano il ciclo arturiano dalla prospettiva del mago Merlino.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mary Florencia Elinor Stewart, nata Rainbow, nasce a Sunderland (contea di Durham), e si laurea presso la Durham University, che le concederà una laurea onoraria in letterature nel 2009. Fu docente di letteratura inglese fino al suo matrimonio, avvenuto nel 1945, con Sir Frederick Stewart, preside del dipartimento i geologia della Edinburgh University.

Fu autrice di molti romanzi spaziando dallo storico al suspense che sono stati ben accolti dalla critica per la cura con cui la storia viene raccontata e per la prosa incantevole. I suoi romanzi sono anche conosciuti per l'ottima localizzazione, spesso in Inghilterra ma anche in ambientazioni esotiche come Damasco, le Isole greche, la Spagna, la Francia, l'Austria, etc.

Raggiunse l'apice della popolarità nel periodo degli anni tra il 1960 fino agli anni 1980, quando molti dei suoi romanzi vennero tradotti in molte altre lingue. Dal romanzo The Moon-Spinners venne tratto anche un film omonimo.

Stewart è considerata una dei fondatori del sottogenere "suspense romantica", che mescola il romanzo romantico con il mistero. In questo genere si fondono il mantenimento di un mistero mentre ci si concentra sull'evoluzione della storia tra i personaggi, in modo che il processo per la risoluzione del mistero "aiuti ad illuminare" la personalità dell'eroe, o dell'eroina, contribuendo in tal modo che il co-protagonista si innamori di lui.[1]

La serie di libri successivamente intitolata Le cronache di Merlino portò Mary Stewart nella classifica dei bestseller, più volte dagli anni 1960 fino agli anni 1980.

Mary Stewart negli ultimi anni della sua vita ha risieduto ad Edimburgo (Scozia).

Nel 2017 lo studio di animazione giapponese Studio Ponoc ha prodotto Mary e il fiore della strega, trasposizione cinematografica animata del suo romanzo per l'infanzia La piccola scopa[2].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Saga arturiana[modifica | modifica wikitesto]

La serie consiste di una trilogia principale con protagonista Merlino e di due romanzi autoconclusivi che si collocano come midquel fra il secondo e il terzo volume della sequenza primaria.

Le Cronache di Merlino (The Merlin Chronicles)[modifica | modifica wikitesto]

Trilogia riunita per la prima volta nell'omnibus Mary Stewart's Merlin Trilogy, William Morrow, 1980.

  1. La grotta di cristallo (The Crystal Cave), Hodder & Stoughton, 1970. Trad. Gioia Angiolillo Zannino, La Scala, Rizzoli, 1976.
  2. Le grotte nelle montagne (The Hollow Hills), Hodder & Stoughton, 1973. Trad. Marina Valente, La Scala, Rizzoli, 1978.
  3. L'ultimo incantesimo (The Last Enchantment), Hodder & Stoughton, 1979. Trad. Bruno Oddera, La Scala, Rizzoli, 1981.

Romanzi autonomi[modifica | modifica wikitesto]

  1. Il giorno fatale (The Wicked Day), Hodder & Stoughton, 1983. Trad. Marina Valente, La Scala, Rizzoli, 1985.
  2. Il principe e il pellegrino (The Prince and the Pilgrim), Hodder & Stoughton, 1995. Trad. Simonetta Mustari, La Scala, Rizzoli, 1996.

Romanzi di suspense romantica[modifica | modifica wikitesto]

Romanzi per l'infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Poesia lirica[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti e premi[modifica | modifica wikitesto]

Si elencano solo le vittorie e non anche le candidature.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Regis (2003), p. 146.
  2. ^ Ironic74, Mary to majo no hana, Lucky Red porterà in Italia il film degli ex Ghibli, su animeclick.it, AnimeClick, 10 marzo 2017. URL consultato il 10 marzo 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN109491991 · ISNI (EN0000 0001 0933 3029 · LCCN (ENn79062771 · GND (DE118920901 · BNE (ESXX847676 (data) · BNF (FRcb119255612 (data) · J9U (ENHE987007280410005171 · NSK (HR000086290 · NDL (ENJA00457725 · CONOR.SI (SL37749347 · WorldCat Identities (ENlccn-n79062771