Mary Soames

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mary Soames nel 1965

Mary Soames, Baronessa Soames, nata Spencer-Churchill (Chartwell, 15 settembre 1922Londra, 31 maggio 2014), è stata una nobildonna britannica. La più giovane dei cinque figli di Winston Churchill e sua moglie, Clementine, ha lavorato per molteplici organizzazioni pubbliche tra cui la Croce Rossa e il Women's Voluntary Service dal 1939 al 1941, ed è entrata a far parte dell'Auxiliary Territorial Service nel 1941.[1] Era la moglie del politico conservatore Christopher Soames.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mary ha lavorato a stretto contatto con suo padre durante la guerra. Nei primi anni di guerra fu volontaria per la Croce Rossa e nel 1941 iniziò ad operare con cannoni antiaerei. Ha servito il suo paese a Londra, in Belgio e in Germania. Ha accompagnato Churchill a Potsdam dove ha incontrato Harry S. Truman e Joseph Stalin.[2] Suo padre l'ha nominata per un premio nella sua lista di onori d'addio. È stata nominata membro dell'Ordine dell'Impero britannico.

Nel 1947 sposò l'aristocratico britannico Christopher Soames, barone Soames (1920–1987). Hanno avuto cinque figli: Nicholas Soames, membro conservatore del Parlamento ed ex Segretario di Stato alla Difesa, Emma Soames, Jeremy Soames, Charlotte Soames, sposata con Lord Peel, Lord del Regno Unito e Rupert Soames.

Dopo la guerra, Mary si dedicò all'eredità letteraria di suo padre. Inoltre, la International Churchill Society, la Conservation of Chartwell e il Royal National Theatre hanno attirato la sua attenzione.

A causa dei suoi servizi in Rhodesia, è stata promossa a Dame Commander dell'Ordine dell'Impero Britannico nel 1980.

Oltre a suo padre, suo cugino per matrimonio Anthony Eden (sposato con Clarissa Eden, contessa di Avon, figlia di suo zio) e suo bisnonno e il duca di Marlborough, anche Mary fu ammessa nell'Ordine della Giarrettiera. È stata nominata il 23 aprile 2005 e investita nella Cappella di San Giorgio a Windsor il 13 giugno dello stesso anno.

Dopo un breve periodo di malattia, Lady Soames è morta il 31 maggio 2014 nella sua casa di Londra.[3][4] Il 17 dicembre di quell'anno, Sotheby's mise all'asta 255 oggetti della sua tenuta, inclusi dipinti e cimeli su suo padre, Winston S. Churchill.

Titoli[modifica | modifica wikitesto]

I vari titoli di Mary Churchill erano:

  • Miss Mary Churchill (15 settembre 1922 – 1945)
  • Miss Mary Churchill, MBE ( 1945 – 11 febbraio 1947)
  • Mrs Christopher Soames, MBE (11 febbraio 1947 – 17 maggio 1965)
  • The HOn. Mrs Soames MBE (17 maggio 1965 – 19 aprile 1978)
  • The Rt Hon. The Lady Soames, MBE (19 aprile 1978 – 14 giugno 1980)
  • The Rt Hon. The Lady Soames, DBE (14 giugno 1980 – 23 aprile 2005)
  • The Rt Hon. The Lady Soames, LG, DBE (23 aprile 2005 – 31 maggio 2014)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Wrigley, Chris., Winston Churchill: A biographical companion, Santa Barbara, ABC-CLIO, 2002, pp. 123–125, ISBN 978-0-87436-990-8.
  2. ^ A Daughter's Tale : The Memoir of Winston and Clementine Churchill's Youngest Child.
  3. ^ (FR) La dernière fille de Winston Churchill meurt à 91 ans, Le Républicain lorrain, 1º giugno 2014.
  4. ^ (EN) « Lady Soames, Winston Churchill's last surviving child, dies aged 91 », by Emily Gosden, sur telegraph.co.uk, 1er juin 2014

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Mentre suo fratello Randolph Churchill non è riuscito a completare la sua biografia autorizzata molto completa di suo padre, Mary ha scritto una biografia molto ben accolta di sua madre. Ha anche organizzato, commentato e pubblicato le lettere che Winston e Clementine si sono scambiati. Ha pubblicato:

  • Clementine Churchill: The Biography of a Marriage (1979)
  • Family Album: A Personal Selection from Four Generations of Churchills (1982)
  • The Profligate Duke: George Spencer Churchill, Fifth Duke of Marlborough, and His Duchess (1987)
  • Winston Churchill: His Life as a Painter (1990)
  • Speaking For Themselves: The Private Letters of Sir Winston and Lady Churchill (1999)
  • Clementine Churchill: The Revised and Updated Biography (2005)
  • A Daughter's Tale: The Memoir of Winston and Clementine Churchill's Youngest Child (2012)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN69092594 · ISNI (EN0000 0001 0983 910X · LCCN (ENn79067835 · GND (DE1017049289 · BNF (FRcb15948807s (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n79067835
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie