Martiri di Damasco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

I martiri di Damasco sono un gruppo di undici tra missionari francescani e fedeli laici della Chiesa maronita uccisi dai drusi a Damasco nella notte tra il 9 e il 10 luglio 1860: furono beatificati da papa Pio XI il 10 ottobre 1926.

I martiri[modifica | modifica wikitesto]

  • Manuel Ruiz López, sacerdote professo dell'Ordine dei Frati Minori, nato il 5 maggio 1804 a San Martín de Las Ollas
  • Carmelo Bolta Bañuls, sacerdote professo dell'Ordine dei Frati Minori, nato il 29 marzo 1803 a Borja
  • Engelbert Kolland, sacerdote professo dell'Ordine dei Frati Minori, nato il 21 settembre 1827 a Ramsau
  • Nicanor Ascanio de Soria, sacerdote professo dell'Ordine dei Frati Minori, nato il 10 gennaio 1814 a Villarejo de Salvanés
  • Pedro Soler Méndez, sacerdote professo dell'Ordine dei Frati Minori, nato il 28 aprile 1827 a Lorca
  • Nicolás María Alberca Torres, sacerdote professo dell'Ordine dei Frati Minori, nato il 10 settembre 1830 a Aguilar de la Frontera
  • Francisco Pinazo Peñalver, religioso professo dell'Ordine dei Frati Minori, nato il 26 agosto 1802 a El Chopo
  • Juan Jacobo Fernández y Fernández, religioso professo dell'Ordine dei Frati Minori, nato il 25 luglio 1808 a Moire
  • Fransīs Masābkī, fedele laico dell'arcieparchia di Damasco dei Maroniti
  • ῾Abd-al-Mu῾ṭī Masābkī, fedele laico dell'arcieparchia di Damasco dei Maroniti
  • Rūfayīl Masābkī, fedele laico dell'arcieparchia di Damasco dei Maroniti.

Il loro elogio si legge nel martirologio romano al 10 luglio.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Guido Pettinati, I Santi canonizzati del giorno, vol. VII, edizioni Segno, Udine 1991, pp. 113-120.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]