Martino de Porres

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Martino de Porres
San Martin de Porres huaycan.jpg
Martino de Porres
 
Nascita9 dicembre 1579
Morte3 novembre 1639
Venerato daChiesa cattolica
Canonizzazione6 maggio 1962
Ricorrenza3 novembre
Patrono diPerù, giustizia sociale (in Perù); barbieri; parrucchieri.

Martín de Porres Velázquez, noto come Martín de Porres o Martin de la Carité (Lima, 9 dicembre 1579Lima, 3 novembre 1639), è stato un religioso peruviano, dell'ordine dei Domenicani; è venerato come santo dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Lima nel Perù nel 1579, il padre era un nobile spagnolo mentre la madre una ex schiava di origine africana. Il padre non ebbe mai gran cura del figlio; la madre invece cercò di impartigli un minimo di istruzione. Da giovinetto, per guadagnarsi un po' di soldi, iniziò a lavorare come garzone presso un barbiere, poi pian piano apprese qualche nozione di chirurgia, che in seguito lo rese un valido infermiere. Desideroso di donare la vita a Dio ed ai poveri, entrò nell'ordine domenicano. Nonostante le tante difficoltà è ricordato per i molteplici doni di grazia e di santità, dalla bilocazione, alla profezia, alla carità cristiana e alle scienze infuse.

Fu devotissimo dell'Eucaristia. Curiosamente fu battezzato nella stessa fonte battesimale dove venne battezzata anche Santa Rosa da Lima. Morì nel 1639.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Proclamato Beato da Papa Gregorio XVI nel 1837, fu canonizzato da Giovanni XXIII il 6 maggio 1962, dopo un iter iniziato nel 1660 e poi interrotto. Martino de Porres è considerato il primo santo di colore della Chiesa cattolica[1]. Nel 1966, Papa Paolo VI lo proclama patrono dei barbieri e dei parrucchieri e in Perù, della giustizia sociale. La commemorazione liturgica ricorre il 3 novembre.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gino Lubich, Il primo santo di colore: Martín de Porres, Città Nuova, 1967

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89221600 · ISNI (EN0000 0001 0830 8104 · LCCN (ENn50080634 · GND (DE118578294 · BNF (FRcb121918734 (data) · CERL cnp00558862