Martin Luther (diplomatico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Martin Luther

Martin Luther (Berlino, 16 dicembre 1895Berlino, 13 maggio 1945) è stato un diplomatico e politico tedesco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Partecipò da volontario alla prima guerra mondiale, e nel dopoguerra aprì una ditta di traslochi.[1] Nel 1933 aderì al Partito nazista, e iniziò a occuparsi di politica a livello locale.[1]

Nel 1936 fu assunto da Joachim von Ribbentrop come responsabile delle dotazioni d'ufficio, e da questo modesto incarico riuscì in pochi anni a scalare le gerarchie fino ad essere messo a capo nel 1940 della divisione Europa dell'Est del ministero degli esteri, ruolo che svolse fino all'aprile 1943.[1] Nel 1941 fu nominato sottosegretario agli esteri, e nel 1942 prese parte in rappresentanza del ministero degli esteri alla conferenza di Wannsee.[1]

Nel 1943 iniziò a tramare contro Ribbentrop, con lo scopo di prenderne il posto; Karl Wolff, venuto anticipatamente in possesso di una lettera di accuse contro Ribbentrop indirizzata a Heinrich Himmler, informò lo stesso Ribbentrop del complotto, e Luther fu spedito nel campo di concentramento di Sachsenhausen.[1] Liberato alla vigilia della caduta di Berlino in mani russe, morì poco tempo dopo di attacco cardiaco.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) Robert S. Wistrich, Luther, Martin, in Who's Who in Nazi Germany, Routledge, 2013, ISBN 978-1-136-41388-9. URL consultato il 2 dicembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN40434218 · GND (DE128649003 · WorldCat Identities (ENviaf-40434218