Martin JRM Mars

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Martin JRM Mars
il JRM-2 Mars "Caroline Mars" in servizio con la U.S. Navy.
il JRM-2 Mars "Caroline Mars" in servizio con la U.S. Navy.
Descrizione
Tipo idrovolante da trasporto
aereo antincendio
Equipaggio 4
Costruttore Stati Uniti Glenn L. Martin Company
Data primo volo 1941
Data entrata in servizio 1945, U.S. Navy
Data ritiro dal servizio 1956, U.S. Navy
Utilizzatore principale Stati Uniti U.S. Navy, 1945-1956
Altri utilizzatori Stati Uniti Flying Tankers, 1959-oggi
Esemplari 6
Dimensioni e pesi
Lunghezza 35,74 m (117 ft 3 in)
Apertura alare 60,96 m (200 ft 0 in)
Altezza 11,71 m (38 ft 5 in)
Superficie alare 342,4 (3 686 ft²)
Peso a vuoto 34 279 kg (75 573 lb)
Peso carico 40 820 kg (90 000 lb)
Peso max al decollo 74 800 kg (165 000 lb)
Propulsione
Motore 4 radiali Wright R-3350-24WA Duplex Cyclone
Potenza 2 500 hp (1 865 kW) ciascuno
Prestazioni
Velocità max 356 km/h (221 mph, 192 kt)
Autonomia 8 000 km (5 000 mi, 4 300 nm)
Tangenza 4 450 m (14 600 ft)
Note dati riferiti all'esemplare JRM-3 Mars

i dati sono estratti da Jane's Fighting Aircraft of World War II[1]

voci di aerei militari presenti su Wikipedia

Il Martin JRM Mars è un idrovolante a scafo centrale, quadrimotore monoplano ad ala alta, sviluppato dall'azienda aeronautica statunitense Glenn L. Martin Company nei primi anni quaranta.

Inizialmente destinato al mercato dell'aviazione commerciale, durante la seconda guerra mondiale venne utilizzato come idrovolante da trasporto tattico dalla United States Navy. Un esemplare è ancora operativo nel ruolo di aereo antincendio nel quale, con il suo carico di 27 tonnellate d'acqua in grado di essere imbarcate in soli 30 secondi volando a pelo d'acqua alla velocità di circa 130 chilometri orari, è ancora oggi il più grande aereo antincendio in servizio in Canada e Stati Uniti.

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

XPB2M-1
Model 170, prototipo, idrovolante a scafo da pattugliamento marittimo a lungo raggio, equipaggiato con quatrro motori radiali Wright R-3350-8; un esemplare costruito, in seguito convertito nel XPB2M-1R.
JRM-1 BuNo 76820
Philippine Mars
XPB2M-1R
prototipo, conversione dal XPB2M-1 realizzata nel dicembre 1943 come prototipo della versione da trasporto, caraterizzato dalla rimozione degli armamenti, dall'istallazione di portelli addizionali e allargamento di quelli già esistenti, rinforzo strutturale dello scafo e istallazione di equipaggiamento per il carico del materiale da trasporto.
JRM-1
Model 170A, variante da trasporto a lungo raggio di produzione in serie, originariamente ordinata in venti esemplari, ordine in seguito ridotto a sette. Caratteristiche: impennaggio monoderiva, scafo più lungo e con meno paratie, con conseguente innalzamento del peso massimo al decollo, istallazione di attrezzature per il carico merci dall'alto e impianto motore basato su quattro radiali Wright R-3350-24WA Cyclone con eliche quadripala. Realizzato in cinque esemplari, quattro vennero convertiti allo standard JRM-3.
JRM-2
L'ultimo JRM-1 in ordine fu completato come JRM-2, con diverso impianto motore basato su quattro radiali Pratt & Whitney R-4360-4T da 3 000 hp ciascuno, abbinati ad eliche quadripala Curtiss Electric da 16 ft e 8 in di diametro. Peso carico incrementato di 20 000 lb.[2]
JRM-3
Model 170B, conversione dei quattro JRM-1 rimanenti, rimotorizzati con quattro radiali Wright R-3350-24WA da 2 400 hp Wright R3350-24WA abbinati ad eliche quadripala Curtiss Electric da 16 ft e 8 in di diametro, delle quali le due interne erano dotate di dispositivi di inversione del passo.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Civili[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti

Militari[modifica | modifica wikitesto]

Stati Uniti Stati Uniti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bridgeman 1946, pp. 244-245.
  2. ^ David J. Gauthier Memorial Collection, 1000aircraftphotos.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Leonard Bridgeman, The Martin Model 170 Mars, in Jane's Fighting Aircraft of World War II, London, Studio edition, 1946, ISBN 1-85170-493-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]