Martin Grabmann

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Martin Grabmann (Winterzhofen, 1875Eichstätt, 1949) è stato uno storico tedesco.

Esponente del neotomismo e sacerdote dal 1898, fu docente all'università di Vienna dal 1913 al 1918 e all'università di Monaco dal 1918 al 1939; nel 1927 ottenne la direzione del Philosophisches Jahrbuch.

Curò e tradusse opere di Aristotele, Dante Alighieri e del contestatore di quest'ultimo Guido Vernani.

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 1895, Grabmann entrò nel noviziato domenicano, quello che oggi è Olomouc nella Repubblica Ceca, ma lo lasciò dopo sei mesi. Divenne terziario dell'Ordine Domenicano nel 1921. Dopo l'ordinazione sacerdotale nel 1898, Grabmann venne inviato dal suo Vescovo a studiare a Roma.

Grabmann era un alunno del Collegium Divi Thomae de Urbe e divenne in seguito Pontefice dell'Università San Tommaso d'Aquino Angelicum a Roma (Italia). All'Angelicum, Grabmann ottenne il bachelor, ossia la licenza in teologia nel 1901, e il dottorato in teologia nel 1902. Durante la sua permanenza presso l'Angelicum, Grabmann studiò paleografia presso la biblioteca Vaticana incoraggiato dai due dei paleografi più illustri del tempo, Heinrich Denifle, Prefetto della Biblioteca Vaticana e il cardinale Franz Ehrle.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Die Geschichte der scholastischen Methode (due volumi), Herder, Freiburg im Breisgau 1909–1911 (tr. it. Storia del metodo scolastico, Firenze, La Nuova Italia, 1980).

Grabmann completò la prima edizione critica del De summo bono di Ulrico di Strasburgo (c. 1225–1277). Il metodo assiomatico comune a Alano di Lilla e a Nicola d'Amiens (1147 – c.1200) fu contrapposto a quello dialettico della quaestio scolastica di sant'Alberto Magno e di san Tommaso d'Aquino.[1] Le ampie e frequenti citazioni di Alberto Magno collocano Ulrico come una figura autonoma e come un tratto d'unione fra il pensiero scolastico e il neoplatonismo dei domenicani tedeschi Meister Eckhart, Teodorico di Freiberg e Bertoldo di Mosburgo.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alessandra Beccarisi, La scientia divina dei filosofi nel De summo bono di Ulrico di Strasburgo, in Rivista di storia della filosofia, n. 1, 2006, pp. 27. URL consultato il 30 dicembre 2020.
  2. ^ Alessandro Palazzo, Ulrico di Strasburgo, un maestro nel citare. Nuove evidenze del ricorso alle opere di Alberto il Grande in De summo IV 2 8-14, in Fabrizio Meroi (a cura di), Le parole del pensiero. Studi offerti a Nestore Pirillo, Edizioni ETS, 6 febbraio 2013, ISBN 978-884673562-1.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Martin Grabmann, in Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana. URL consultato il 25-8-2013.
Controllo di autoritàVIAF (EN27137212 · ISNI (EN0000 0001 0881 8593 · BAV 495/123278 · LCCN (ENn81071081 · GND (DE118541137 · BNE (ESXX951108 (data) · BNF (FRcb12328594v (data) · J9U (ENHE987007262089605171 · NDL (ENJA00441455 · CONOR.SI (SL24264547 · WorldCat Identities (ENlccn-n81071081
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie