Marthe-Marguerite Caylus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marthe-Marguerite Le Valois de Villette de Mursay contessa di Caylus

Marthe-Marguerite Le Valois de Villette de Mursay contessa di Caylus (Poitiers, 1672Parigi, 1729) è stata una scrittrice francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nipote di Madame de Maintenon, venne educata nel noto pensionato istituito dalla zia, presso Saint-Cyr-l'École.

All'età di circa dieci anni fu costretta ad una conversione forzata dal protestantesimo al cattolicesimo.

Nel 1685 sposò il conte di Caylus, collezionista di oggetti antichi.

Soggiornava ancora a Saint-Cyr quando venne rappresentata la prima recita di Esther di Jean Racine, in occasione della quale il grande drammaturgo francese scrisse per Madame de Caylus un prologo, che consentì alla giovane scrittrice di ottenere il suo primo successo mondano.[1]

Negli anni successivi divenne uno dei personaggi più in vista della corte, nonostante alcune sue irrequietezze caratteriali e temperamentali e una relazione con il duca di Villeroy che la costrinse ad allontanarsi da Versailles.

Dopo l'eclissi di Madame de Maintenon si ritirò a Parigi, accompagnata dal fedele Villeroy, occupandosi soprattutto della stesura dei suoi Souvenirs, che furono però dati alle stampe solamente nel 1770, impreziositi dalla presentazione e dalle annotazioni di Voltaire. In questo libro la scrittrice tracciò un quadro della società del suo tempo intrecciato alle vicende di Madame de Maintenon. Il rilevante valore letterario dell'opera indusse vari critici ad ipotizzarne una composizione a più mani: se alcuni ritennero plausibile l'intervento del figlio, a cui peraltro vennero dettati i Souvenirs, altri invece indicarono nello stesso Voltaire l'artefice della sistemazione degli scritti.[1] In qualunque caso sia per la invidiabile posizione di osservazione vicina alla famiglia reale e sia per l'acutezza di indagine, la libertà da ogni pregiudizio morale pur nel rispetto della bienséances, l'eleganza formale, l'analisi imparziale e spietata, il lavoro viene considerato un'importante testimonianza storica e sociale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Le muse, De Agostini, Novara, 1965, Vol.III, pag.178

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Souvenirs de Madame de Caylus, Mercure de France (1986), ISBN 2-7152-1424-3
  • F.Brentano, Les 'Souvenirs' de M.me de Caylus, in Les Temps, Parigi, 26 ottobre 1930

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN120784682 · LCCN: (ENnr88004324 · ISNI: (EN0000 0001 1480 8391 · BNF: (FRcb12328461m (data)
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie