Martello di London

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Martello di London è un martello in ferro e legno trovato nel 1936 a London, una cittadina del Texas, negli Stati Uniti, e successivamente proposto da alcuni creazionisti come un OOPArt, cioè un "manufatto fuori luogo". A dispetto delle affermazioni dei creazionisti tutti gli elementi oggi disponibili consentono di identificare il reperto come un manufatto del XIX secolo[1]

Ritrovamento[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 1936, due escursionisti, un tale Max Hann e sua moglie, trovarono un pezzo di legno che sporgeva da un blocco di arenaria, separato dalle formazioni rocciose circostanti, lungo il Red Creek di London[1]. Dieci anni dopo, nel 1946/1947, il figlio della coppia, rompendo il nodulo, vi trovò il martello parzialmente inglobato al suo interno. Il martello fu venduto dalla famiglia Hann ad un esponente del movimento creazionista Carl E. Baugh nel 1983[2][3]

La tesi di Baugh e dei creazionisti[modifica | modifica wikitesto]

Carl E. Baugh e altri creazionisti hanno affermato che il blocco, e conseguentemente il martello al suo interno, avrebbe dai 500 ai 300 milioni di anni circa (dal periodo Cambriano al Carbonifero), cosa che tuttavia contrasta col fatto che le rocce di Red Creek siano databili al basso Cretaceo (110-115 milioni di anni fa)[1]. Inoltre, la datazione basata sull'analisi litografica delle rocce circostanti l'oggetto è poco indicativa, in quanto vi sono casi ben noti in cui alcuni sedimenti si sono induriti intorno ad un oggetto inglobandolo in pochi decenni [1].

Nel 1997/1999 furono condotti degli esami sul manico di legno con il metodo del carbonio-14, nonostante le lunghe opposizioni di Baugh che ritardarono tali esami: tali esami avrebbero fornito una datazione molto recente, "da 0 a 700 anni fa", ma non sono state fornite ulteriori informazioni su di essi[1].

A sostegno della tesi che non si tratterebbe di un falso, i creazionisti presentano esami svolti dai Batelle Laboratories di Columbus, Ohio, che avrebbero stabilito che il metallo di cui è composta la "testa" è una lega composta al 96,6% di ferro, al 2,6% di cloro e allo 0,74% di zolfo. Baugh ha affermato che questa lega sarebbe impossibile da ottenere con procedimenti moderni e frutto di metallurgia avanzata, ma senza sostenere questa affermazione con delle prove.[3]

Secondo Baugh, è grazie a tale composizione che il metallo non risulterebbe essere né corroso, né arrugginito. Infatti, secondo i sostenitori della genuinità del reperto, anche una piccola abrasione, effettuata poco dopo la scoperta per sottoporlo ad un'analisi, non avrebbe mai subito processi né di corrosione, né di ossidazione (ruggine). Tuttavia la fotografia che dovrebbe corroborare questa affermazione, in un sito "creazionista",[4] presenta invece un oggetto arrugginito sia sull'abrasione che altrove.

Una tomografia a raggi X realizzata dal laboratorio Texas Utilities nel 1992, ha mostrato l'assenza di bolle e di variazioni di densità nella testa. Anche questo fatto, assolutamente normale per colate realizzate con altiforni moderni, ha spinto Baugh a pensare a una "metallurgia avanzata" posseduta da ipotetiche popolazioni antidiluviane.

Il martello come manufatto recente[modifica | modifica wikitesto]

Tutti gli elementi di valutazione disponibili portano a concludere che il martello sia un manufatto moderno. Sia le fattezze dell'oggetto, sia il fatto che non sono presenti aloni di diffusione delle particelle metalliche che avrebbero dovuto prodursi nella roccia in milioni di anni, sia la mancata pietrificazione del manico di legno del martello portano a tale conclusione[1].

La forma della testa del martello è molto simile a quella dei martelli diffusi negli Stati Uniti tra il XIX e il XX secolo

Nonostante quindi le insistenze dei creazionisti, non esiste nessuna prova che il reperto sia antico di milioni di anni; esistono invece una serie di elementi che portano a qualificare il martello di London come un falso [2][3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Silvano Fuso, Pinocchio e la scienza. Come difendersi da false credenze e bufale scientifiche, Edizioni Dedalo, 2006, ISBN 8822062949
  2. ^ a b Articolo di Mauro Paoletti
  3. ^ a b c Articolo di Glen J. Kuban
  4. ^ (EN) The London Artifact: An Iron Hammer In Stone - si veda la foto G3

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]