Marta Grande

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marta Grande
Marta Grande daticamera.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XVII
Gruppo
parlamentare
Movimento 5 Stelle
Circoscrizione Lazio 1
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Movimento 5 Stelle
Titolo di studio Laurea in lingue e commercio internazionale, Master in Studi Europei
Professione Studente

Marta Grande (Civitavecchia, 22 novembre 1987[1]) è una politica e blogger italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomata al liceo scientifico di Civitavecchia nel 2006 con 87/100,[2] ha conseguito un Bachelor of Arts presso la University of Alabama in Huntsville nel 2009[3] e un Master universitario di primo livello in European Studies ("studi europei") presso la LUISS nel 2011. È laureata in "Relazioni internazionali" presso l'Università degli Studi Roma Tre.[4] Il 3-6 dicembre 2012 si candida[5] alle cosiddette "elezioni Parlamentarie" del Movimento 5 Stelle, una procedura per la selezione dei candidati alle elezioni politiche del febbraio 2013. Candidata alle politiche, è stata eletta alla Camera dei deputati per la circoscrizione Lazio 1[1] nella lista Movimento 5 Stelle: la proclamazione formale è avvenuta il 5 marzo 2013,[1] quindi l'insediamento ufficiale è avvenuto il successivo 15 marzo, giorno in cui è iniziata la XVII Legislatura.

Dal 7 maggio 2013 è membro della III Commissione (Affari Esteri e Comunitari)[1]. Da luglio 2013 è membro del comitato permanente sulla politica estera e relazioni esterne dell'Unione Europea, mentre dal 2015 è membro e segretario del comitato permanente sui diritti umani e membro del comitato permanente sull'attuazione dell'agenda 2030 e gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Da ottobre 2014 è capogruppo del Movimento cinque stelle nella commissione di inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro.[6]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 marzo 2013 il quotidiano Libero avanza dubbi circa la validità, in Italia, dei titoli di studio esteri di Grande sostenendo che un Bachelor of Arts non equivalga ad una laurea italiana:[7] nonostante nel curriculum vitae[5] con cui proponeva la sua candidatura alle elezioni politiche 2013 avesse esplicitato di possedere un Bachelor of Arts[8] il quotidiano avanza critiche rispetto la validità di questo titolo. Ciò genera una polemica riportata anche sui maggiori quotidiani [9] [10] [11] che porta Grande a produrre documenti del possesso del bachelor e l'attestato di validità rilasciato dal consolato di Miami che "attesta a chiare lettere che il titolo ha valenza sul territorio statunitense"[12]. Il 24 marzo, in seguito ai molti commenti sul suo profilo Facebook e sul suo blog che chiedono ulteriori chiarimenti sulla effettiva durata del suo corso di studi, Grande pubblica un secondo post[3] in cui spiega la tempistica ed il sistema di crediti funzionante nella University of Alabama in Huntsville, riportando un "attestato di frequenza" compilato dalla sua tutor americana.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Dalla sua scheda sul sito della Camera dei deputati. URL consultato in data 27 marzo 2013.
  2. ^ La maturità delle ministre: il "dramma" della Boschi, l'incubo della Madia
  3. ^ a b Marta Grande, Crediti formativi e Credit Hours, martagrande.it, 24 marzo 2013. URL consultato il 27 marzo 2013.
  4. ^ Marta Grande, Lauree, master e fango, martagrande.it, 15 marzo 2013. URL consultato il 27 marzo 2013.
  5. ^ a b Scheda di candidatura di Marta Grande alle Parlamentarie 2012[collegamento interrotto] in beppegrillo.it, 2012. URL consultato in data 27 marzo 2013.
  6. ^ Camera.it - XVII Legislatura - Deputati e Organi - Scheda deputato - GRANDE Marta, su www.camera.it. URL consultato il 20 febbraio 2017.
  7. ^ Enrico Paoli, La grillina Grande come Giannino. Giallo sulle lauree all'estero, in liberoquotidiano.it, 15 marzo 2013. URL consultato il 27 marzo 2013.
  8. ^ Candidato, su rousseau.movimento5stelle.it. URL consultato il 20 febbraio 2017.
  9. ^ Matteo Cruccu, Marta Grande e «il giallo della laurea», in corriere.it, 15 marzo 2013. URL consultato il 13 ottobre 2014.
  10. ^ Mario Ajello, M5S, Marta Grande e quei diplomi sospetti presi in Alabama, in messaggero.it, 16 marzo 2013. URL consultato il 13 ottobre 2014.
  11. ^ repubblica.it, 16 marzo 2013, http://www.repubblica.it/politica/2013/03/15/news/m5s_mangili_si_dimette_da_senatrice_il_marito_risposta_alle_accuse_di_inciucio-54648991/ . URL consultato il 13 ottobre 2014.
  12. ^ Lauree, master e fango | Marta Grande, martagrande.it. URL consultato il 20 febbraio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]