Markus Söder

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Markus Söder
Markus Söder MSC 2019 (cropped).jpg

Ministro presidente della Baviera
In carica
Inizio mandato 16 marzo 2018
Predecessore Horst Seehofer

Leader dell'Unione Cristiano-Sociale in Baviera
In carica
Inizio mandato 19 gennaio 2019
Predecessore Horst Seehofer

Dati generali
Partito politico CSU
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università Friedrich-Alexander di Erlangen-Norimberga
Firma Firma di Markus Söder

Markus Thomas Theodor Söder (Norimberga, 5 gennaio 1967) è un politico tedesco, dal marzo 2018 presidente della Baviera e dal gennaio 2019 leader dell'Unione Cristiano-Sociale (CSU).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Söder è cresciuto insieme a una sorella a Norimberga-Schweinau. I genitori, Max e Renate Söder, gestivano una piccola impresa edile a Norimberga. Dopo essersi diplomato al liceo nel 1986, ha effettuato il servizio militare a Norimberga. Dal 1987 studia legge all'Università Friedrich Alexander di Erlangen-Norimberga con una borsa di studio della Konrad Adenauer Foundation. Si è laureato alla fine degli anni '80 con una tesi sulle antiche tradizioni giuridiche tedesche. Dal 1992 al 1993 ha completato un tirocinio presso la Bavarian Radio (BR), dopo di che ha lavorato fino al 1994 presso la sede di Monaco.

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

È entrato nella CSU e nella sua organizzazione giovanile all'età di 16 anni. Nel 1994, quando aveva solo 27 anni, è stato eletto al Landtag, il Parlamento bavarese. Tra il 1995 e il 2003 ha presieduto il movimento giovanile della CSU prima di diventare segretario generale del partito all'età di 36 anni. È entrato a far parte del governo bavarese nel 2007 quando Günther Beckstein lo nomina ministro degli affari federali ed europei. Diventa ministro dell'ambiente nel 2008 e poi ministro delle finanze tre anni più tardi.

Come ministro delle finanze nel governo statale presieduto da Horst Seehofer, Söder era anche uno dei rappresentanti dello stato presso il Bundesrat, dove faceva parte del comitato finanziario.

Durante queste periodo Söder è stato incaricato di supervisionare il processo di ristrutturazione della sofferente BayernLB, banca di |Monaco, nel tentativo di ottenere l'approvazione di un pacchetto di aiuti da parte della Commissione europea. Nel 2014 ha spinto BayernLB a vendere la sua unità MKB ungherese al governo di quel paese, ponendo fine a un investimento sfortunato che era costato alla banca perdite di 2 miliardi di euro in 20 anni. Nel 2015 Söder e il suo omologo austriaco Hans Jörg Schelling hanno concordato un accordo provvisorio che ha risolto una serie di controversie legali dei due governi derivanti dal crollo della banca regionale carinziana Hypo Alpe-Adria-Bank International. Secondo il protocollo d'intesa, l'Austria deve pagare 1,23 miliardi di euro alla Baviera.

Sempre nel 2012 Söder e il presidente bavarese Horst Seehofer hanno intentato una causa dinanzi alla Corte costituzionale federale, chiedendo ai giudici di appoggiare la loro richiesta di revisione del sistema tedesco di trasferimenti finanziari dagli stati più ricchi (come la Baviera) alle economie più deboli del paese. Su iniziativa di Söder, la Baviera ha anche intrapreso un'azione legale contro la Volkswagen per i danni causati dallo scandalo dei falsi test sulle emissioni. All'epoca, Söder sosteneva che il fondo pensione statale per i dipendenti pubblici aveva perso fino a 700.000 euro proprio a causa dello scandalo.

Dopo le pesanti perdite subite dalla CSU alle elezioni nazionali del 2017, Seehofer ha deciso di rimanere presidente del partito ma di fare un passo indietro nella leadership della Baviera. Dal 16 marzo 2018 Söder ricopre così l'incarico di presidente della Baviera e dal 19 gennaio 2019 guida anche la presidenza della CSU dopo essere stato eletto con l'87,4% dei voti.[1]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1999 Söder, protestante,[2] è sposato con Karin Baumüller, appartenente alla famiglia proprietaria del gruppo Baumüller di Norimberga, leader nella produzione di automazione elettrica e sistemi di azionamento.[3][4] La coppia ha tre figli. Da una precedente relazione Söder ha avuto un'altra figlia.[5][6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Germania, Söder eletto presidente CSU con l'87,4% voti, su ansa.it, 21 gennaio 2019. URL consultato il 28 novembre 2019.
  2. ^ (DE) Im Tretboot mit Söder: »Der Heimatminister auf seinem See«, su www.nordbayern.de, 1º agosto 2017. URL consultato l'8 dicembre 2017.
  3. ^ (DE) Die Frau an Söders Seite, su www.faz.net, 5 dicembre 2017. URL consultato il 16 marzo 2018.
  4. ^ (DE) FINANZMINISTER FEIERT RUNDEN GEBURSTAG: »Zum 50. Geburtstag vervollständigt Markus Söder 50 Sätze«, su www.merkur.de, 3 febbraio 2017. URL consultato il 9 dicembre 2017.
  5. ^ (DE) Beate Wild, Markus Söder und seine Kinder – Eine ganz bunte Geschichte, in Süddeutsche Zeitung, 19 maggio 2010. URL consultato il 25 aprile 2016.
  6. ^ (DE) Franz Solms-Laubach, Markus Söder und seine uneheliche Tochter, in Die Welt, 24 maggio 2007. URL consultato il 4 luglio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27861606 · ISNI (EN0000 0000 6676 029X · LCCN (ENnr98044951 · GND (DE118175211 · WorldCat Identities (ENlccn-nr98044951