Mark Benedict Coleridge

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mark Benedict Coleridge
arcivescovo della Chiesa cattolica
Mark Coleridge,Canberra,2011 4043.jpg
Coat of arms of Mark Benedict Coleridge.svg
Sanguis et Aqua
 
TitoloBrisbane
Incarichi attuali
Incarichi ricoperti
 
Nato25 settembre 1948 (73 anni) a Melbourne
Ordinato presbitero18 maggio 1974 dal vescovo John Anthony Kelly
Nominato vescovo3 maggio 2002 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo19 giugno 2002 dall'arcivescovo Denis James Hart
Elevato arcivescovo19 giugno 2006 da papa Benedetto XVI
 

Mark Benedict Coleridge (Melbourne, 25 settembre 1948) è un arcivescovo cattolico australiano, dal 2 aprile 2012 arcivescovo metropolita di Brisbane.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Mark Benedict Coleridge è nato a Melbourne il 25 settembre 1948 ed è il terzo dei cinque figli di Bernard Coleridge e Marjorie, nata Harvey.

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

È stato educato alla Saint Joseph's School di Tranmere, al Rostrevor College di Adelaide e al St Kevin's College di Toorak. Contemplando una carriera nel servizio diplomatico australiano, nel 1968 ha conseguito un Bachelor of Arts in inglese in francese presso l'Università di Melbourne. Dopo aver scoperto la sua vocazione al sacerdozio, è entrato nel seminario interdiocesano Corpus Christi College di Melnourne.[1]

Il 18 maggio 1974 è stato ordinato presbitero per l'arcidiocesi di Melbourne nella cattedrale arcidiocesana dal vescovo ausiliare John Anthony Kelly.[1] In seguito è stato vicario coadiutore nella parrocchia di Drysdale, Doncaster Est, Ashburton e Pascoe Vale dal 1974 al 1980. Nel 1980 è stato inviato a Roma per studi. Nel 1984 ha conseguito la licenza in Sacra Scrittura presso il Pontificio Istituto Biblico. Successivamente è stato professore di Sacra Scrittura presso il Catholic Theological College di Melbourne dal 1985 al 1988. Nel 1988 è ritornato a Roma e nell'aprile 1992 ha ottenuto la laurea in Sacra Scrittura presso il Pontificio Istituto Biblico con una tesi sulla narrazione dell'infanzia di Gesù nel Vangelo secondo Luca.[2] In seguito ha prestato servizio come professore nel Catholic Theological College di Melbourne dal 1992 al 1996; portavoce dell'arcidiocesi per i mass-media dal 1996 al 1998 e preside del Catholic Theological College dal 1996 al 1998. Dal 1998 ha prestato servizio nella sezione per gli affari generali della Segreteria di Stato della Santa Sede.[3]

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 maggio 2002 papa Giovanni Paolo II lo ha nominato vescovo ausiliare di Melbourne e titolare di Teveste.[4] Ha ricevuto l'ordinazione episcopale il 19 giugno successivo dall'arcivescovo metropolita di Melbourne Denis James Hart, co-consacranti l'arcivescovo Francesco Canalini, nunzio apostolico in Australia, e l'arcivescovo metropolita di Sydney George Pell.

Stemma di monsignor Coleridge come arcivescovo metropolita di Canberra e Goulburn.

Il 19 giugno 2006 papa Benedetto XVI lo ha promosso arcivescovo metropolita di Canberra e Goulburn.[5] Ha preso possesso dell'arcidiocesi il 17 agosto successivo.

Nell'ottobre del 2011 ha compiuto la visita ad limina.

Il 29 dicembre 2011 è stato nominato membro del Pontificio consiglio delle comunicazioni sociali per un mandato rinnovabile di cinque anni.[6]

Il 2 aprile 2012 papa Benedetto XVI lo ha nominato arcivescovo metropolita di Brisbane.[7] Ha preso possesso dell'arcidiocesi l'11 maggio successivo.[1]

Ha partecipato alla XIV assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi che ha avuto luogo nella Città del Vaticano dal 4 al 25 ottobre 2015 sul tema "La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo".[8] Lì è stato relatore di uno dei circoli minori di lingua inglese.[9]

Nel 2017, durante il sondaggio postale nazionale sul matrimonio tra persone dello stesso sesso, monsignor Coleridge ha affermato di credere personalmente che l'amore condiviso in una coppia dello stesso sesso potesse essere semplicemente "l'amore degli amici". Ha notato che ai bambini non è permesso sposare i loro genitori, né i fratelli possono sposarsi a vicenda, anche se ha convenuto che i casi di coppie dello stesso sesso e di parenti stretti erano diversi. Ha detto: "Questo non vuol dire che [le coppie dello stesso sesso] non sono uguali [per l'amore]. Sto semplicemente dicendo che non sono la stessa cosa e che non si qualificano per quello che chiamiamo matrimonio".[10]

Nel giugno del 2019 ha compiuto nuovamente la visita ad limina.

Dal 4 maggio 2018 è presidente della Conferenza dei vescovi cattolici australiani.[11] In seno alla stessa è stato membro del comitato permanente, della commissione per il ministero della Chiesa e del comitato per la dottrina e la morale e presidente della commissione per l'evangelizzazione.[12] Nel novembre del 2017 è stato eletto dai vescovi australiani a capo della commissione che sta organizzando un consiglio plenario della Chiesa cattolica in Australia nel 2020.[13] Dal 4 maggio 2016 al 4 maggio 2018 è stato vicepresidente della stessa.

È membro della segreteria generale del Sinodo dei vescovi e del Pontificio consiglio della cultura.

È anche presidente del comitato editoriale della Commissione internazionale sull'inglese nella liturgia.

Genealogia episcopale e successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Appointment of the new Metropolitan Archbishop of Brisbane: The Most Revd Mark Benedict Coleridge, DD (PDF), su catholic.org.au, Catholic Church in Australia, 2 aprile 2012. URL consultato il 4 maggio 2018 (archiviato il 4 maggio 2018).
  2. ^ Archbishop Mark Benedict Coleridge, su cg.catholic.org.au, Archdiocese of Canberra – Goulburn, 2009. URL consultato il 2 gennaio 2012 (archiviato dall'url originale il 19 gennaio 2012).
  3. ^ Biography, su brisbanecatholic.org.au, Archdiocese of Brisbane. URL consultato il 2 novembre 2015.
  4. ^ Nomina di Ausiliare di Melbourne (Australia), su press.vatican.va, Sala stampa della Santa Sede, 3 maggio 2002. URL consultato il 12 aprile 2019.
  5. ^ Rinuncia dell'Arcivescovo di Canberra (Australia) e nomina del successore, su press.vatican.va, Sala stampa della Santa Sede, 19 giugno 2006. URL consultato il 12 aprile 2019.
  6. ^ Nomina di Membri del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali, su press.vatican.va, Sala stampa della Santa Sede, 29 dicembre 2011. URL consultato il 12 aprile 2019.
  7. ^ Nomina dell'Arcivescovo Metropolita di Brisbane (Australia), su press.vatican.va, Sala stampa della Santa Sede, 2 aprile 2012. URL consultato il 12 aprile 2019.
  8. ^ XIV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi (4-25 ottobre 2015) - Elenco dei Partecipanti, 15.09.2015, su press.vatican.va, Sala stampa della Santa Sede, 15 settembre 2015. URL consultato l'11 aprile 2019.
  9. ^ Joshua J. McElwee, Australian archbishop: Synod must change church’s language, actions, in National Catholic Reporter, 13 ottobre 2015. URL consultato il 14 ottobre 2015.
  10. ^ Michael Koziol, Like parents and kids, same-sex couples don't 'qualify' for marriage: Archbishop Mark Coleridge, in Sydney Morning Herald, 26 settembre 2017. URL consultato il 4 maggio 2018.
  11. ^ NEW ACBC PRESIDENT: 'Great opportunity to open ourselves to the power of God', in The Record, 10 maggio 2018. URL consultato l'8 maggio 2019 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2019).
  12. ^ Commissions Memberships, su catholic.org.au, Catholic Church in Australia. URL consultato il 2 novembre 2015.
  13. ^ Mark Bowling, Archbishop Coleridge elected as chair for historic 2020 Plenary Council, in The Record, 8 dicembre 2016. URL consultato l'8 maggio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo titolare di Teveste Successore BishopCoA PioM.svg
Elías Prado Tello 3 maggio 2002 - 19 giugno 2006 John Anthony Dooher
Predecessore Arcivescovo metropolita di Canberra e Goulburn Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Francis Patrick Carroll 19 giugno 2006 - 2 aprile 2012 Christopher Charles Prowse
Predecessore Arcivescovo metropolita di Brisbane Successore ArchbishopPallium PioM.svg
John Alexius Bathersby dal 2 aprile 2012 in carica
Predecessore Vicepresidente della Conferenza dei Vescovi Cattolici Australiani Successore Logo of the Australian Catholic Bishops' Conference.svg
Philip Edward Wilson 4 maggio 2016 - 4 maggio 2018 Anthony Colin Fisher, O.P.
Predecessore Presidente della Conferenza dei Vescovi Cattolici Australiani Successore Logo of the Australian Catholic Bishops' Conference.svg
Denis James Hart dal 4 maggio 2018 in carica
Controllo di autoritàVIAF (EN70639905 · ISNI (EN0000 0000 3202 1093 · LCCN (ENn95060234 · GND (DE104638676X · WorldCat Identities (ENlccn-n95060234