Mariza Antonietta Bafile

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mariza Antonietta Bafile

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature XV
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico - L'Ulivo
Circoscrizione ESTERO B (America Meridionale)
Incarichi parlamentari

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Professione Giornalista

Mariza Antonietta Bafile (Caracas, 19 dicembre 1953) è una politica italiana.

Figlia di Gaetano Bafile, fondatore del giornale italo-venezuelano "La Voce d'Italia", è stata vicedirettrice del giornale paterno fino al giorno della sua elezione in Parlamento. Tra i temi trattati come giornalista, quello dei sequestri in Venezuela a danno di emigranti italiani.

Grazie al suo apporto, la Farnesina ha inviato in forma permanente un esperto antisequestri.

Amica del giornalista Gian Antonio Stella e del politico venezuelano Teodoro Petkoff, si oppone con moderazione al governo venezuelano di Hugo Chávez, verso cui, una volta eletta in parlamento, ha smorzato i toni.

È sposato con Antonio Romani, attualmente direttore generale della Voce d'Italia. Ha una figlia che studia a Boston.

La sua più grande battaglia in Parlamento riguarda l'attribuzione di un assegno di solidarietà agli italiani all'estero, se anziani e indigenti. Devono però esser nati in Italia. La somma totale è 123 euro al mese.

È esponente di spicco in America Latina del Partito Democratico, dove ha promosso il Comitato per Veltroni. Si ricandida con il Partito Democratico.

Nelle elezioni politiche 2006 viene eletta per L'Ulivo alla Camera dei deputati nel collegio del Sudamerica. Il 4 maggio viene nominata Segretario di presidenza della Camera.

È la prima volta che viene eletto in parlamento un deputato italo-venezuelano. Tra i suoi collaboratori a Caracas Francesco Pellegrino.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]