Alexandre Marius Jacob

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Marius Jacob)
Alexandre "Marius" Jacob

Alexandre Marius Jacob, noto anche come Marius Jacob o Alexandre Jacob (Marsiglia, 29 settembre 1879Reuilly, 28 agosto 1954), è stato un anarchico francese. Attraverso il furto ai danni di ricchi borghesi, si adopera per finanziare l'anarchismo movimento anarchico francese. È una delle possibili fonti di ispirazione per il personaggio romanzesco di Arsenio Lupin, il ladro inafferrabile di Maurice Leblanc.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Marsiglia, a 11 anni s'imbarcò come mozzo su varie navi, compresa una baleniera che, al largo dell'Australia, si rivelò essere una nave pirata. A sedici anni tornò a casa, malato, in compagnia di un giovane anarchico e dei libri che questi portava.

Fu un artista, inventore di nuove tecniche che ebbero poi numerosi imitatori. Rimangono insuperati l'abilità nel travestimento (spesso da prete), lo studio scientifico e le esercitazioni pratiche su ogni tipo di cassaforte, l'uso di un rospo come "palo" (aveva osservato che queste bestiole cessano di gracidare quando si avvicina qualcuno). Questa genialità diveniva spettacolare quando, rocambolescamente, riusciva ad evadere dal carcere. In soli tre anni (1900-1903) con la sua banda - I lavoratori della notte - realizzò oltre 150 "recuperi" ai danni di finanzieri, prelati e magistrati.

Arrestato con tutta la banda nel 1903, trasformò la propria difesa in un comizio: "una parte del mondo vive nel freddo, nella fame, nel dolore. Io ho voluto vendicarla". Condannato all'ergastolo, dopo vari tentativi d'evasione fu spedito al penitenziario della Caienna nella Guyana Francese.

Ricevette la grazia nel 1928, si rifece una vita e a 75 anni la troncò uccidendosi con un'iniezione letale di morfina (prima fece la stessa cosa al suo vecchio e amato cane Negro), durante una festa a casa sua. Lasciò una lettera in cui scrisse:

« …Ho vissuto un'esperienza piena di avventure e sventure, mi considero soddisfatto del mio destino. Dunque, voglio andarmene senza disperazione con il sorriso sulle labbra e la pace nel cuore. Ho vissuto. Adesso posso morire. P.S. Vi lascio qui due litri di vino rosato. Brindate alla vostra salute. »

Influenza culturale[modifica | modifica wikitesto]

Alle sue imprese si ispirò lo scrittore francese Maurice Leblanc per ideare Arsenio Lupin, il ladro gentiluomo, protagonista di una fortunata serie di romanzi polizieschi e telefilm. Jacob ebbe tutta l'ammirazione di un altro bandito anarchico, Jules Bonnot. Quest'ultimo ebbe modo di parlare del suo eroe (nascondendo probabilmente l'ammirazione) con sir Arthur Conan Doyle, autore di Sherlock Holmes, perché per un certo periodo fu il suo autista personale.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alexandre Jacob, Abbasso le prigioni tutte le prigioni, a cura di Andrea Ferreri, Lecce, Bepress, 2009.
  • Alexandre Jacob, I lavoratori della notte, a cura di Andrea Ferreri, Lecce, Bepress, 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN29643566 · LCCN: (ENn93124498 · ISNI: (EN0000 0000 7972 6939 · GND: (DE119191865 · BNF: (FRcb125334493 (data)