Marisa Del Frate

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marisa Del Frate
Marisa Del Frate nel 1957
Marisa Del Frate nel 1957
Nazionalità Italia Italia
Genere
Periodo di attività 1957-1967
Etichetta Cetra, Lord, CBS, Derby
Album pubblicati 1
Studio 1
Live 0
Raccolte 0

Marisa Del Frate (Roma, 11 marzo 1931Roma, 5 febbraio 2015[1]) è stata una cantante, attrice e showgirl italiana, particolarmente attiva negli anni cinquanta e sessanta.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver lavorato come indossatrice e aver partecipato alle selezioni per alcuni concorsi di bellezza, debutta nel 1956 al Festival di Capri, dove vince il terzo posto con il brano Se potessi con la musica Nel 1957, al Festival di Napoli vince inaspettatamente il primo premio con un brano melodrammatico di grande suggestione, dal titolo Malinconico autunno. Nella stessa manifestazione, esegue la canzone Bene mio.

L'anno successivo partecipa al Festival di Sanremo con due canzoni, È molto facile dirsi addio e Ho disegnato un cuore, che però non riesce a portare in finale. Fa ritorno al Festival di Napoli, dove interpreta le canzoni Voglio a tte, Pecchè se canta a Napule e Sincerità.

Nello stesso anno viene scelta da Erminio Macario per la rivista Chiamate Arturo 777 di Grimaldi e Corbucci ("Mi venne a vedere in uno spettacolo di beneficenza che tenevo a La Spezia" raccontava l'attrice in una intervista TV degli anni 70)[2]. Intraprende così una lunga carriera di soubrette e di attrice di teatro leggero, calcando le scene assieme ai maggiori attori brillanti dell'epoca, quali Carlo Dapporto (ne Monsieur Cenerentolo e Il rampollo, testo di Scarnicci e Tirabusi)[2], Giustino Durano, Gino Bramieri.

Al cinema ottiene alcune partecipazioni nel cast di alcune commedie all'italiana quali Addio per sempre!, Obiettivo ragazze, La ballata dei mariti e Perdono.

Gino Bramieri e Marisa Del Frate ne L'amico del giaguaro 1962

In televisione diviene popolare nel 1961 grazie alla trasmissione di Terzoli e Zapponi - della quale canta anche la sigla omonima e il motivo tormentone La Matta - L'amico del giaguaro, condotta da Corrado; in essa si esibisce assieme a Gino Bramieri, Raffaele Pisu e allo stesso Corrado in sketches, canzoni, parodie e imitazioni. Nelle stagioni successive ripete il successo con altre trasmissioni come Il naso finto, del 1963, condotta da Paolo Ferrari e soprattutto, nel 1965, La trottola di Corrado e Sandra Mondaini, della quale canta anche le sigla scritta dallo stesso presentatore Anche se tu.

Nel 1977 recita nella famosa commedia musicale del sabato sera di Rai Uno Valentina con Elisabetta Viviani e Leo Colonna.

Una serie di sfortunate vicende personali determina il suo allontanamento dal video per diversi anni.
Torna per alcune apparizioni in programmi di revival e, negli anni ottanta, è fra i primi a sperimentare in alcune emittenti locali del Nord Italia - tra le quali Telecentro di Bologna - un genere televisivo nuovo per l'epoca, quello della televendita: con Raffaele Pisu conduce Gran Bazar.

Nel 1997 torna in tv come ospite dei programmi di Paolo Limiti, Ci vediamo in tv e Alle due su Raiuno. Nel 2008 viene invitata da Alda D'Eusanio nello studio televisivo di Ricominciare, dove partecipa alla trasmissione sempre come ospite.

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

33 giri[modifica | modifica wikitesto]

78 giri[modifica | modifica wikitesto]

  • 1957: Io e Ciccio cha cha cha/Cha cha cha napulitano (Cetra, DC 6726)
  • 1957: Bene mio/Malinconico autunno (Cetra, DC 6771)
  • 1957: 'O treno d'a fantasia/Storta va... deritta vene (Cetra, DC 6792)
  • 1958: Maria Canaria/Zi Gennaro rock'n'roll (Cetra, DC 6868)
  • 1958: Vita mia/'A casa toja (Cetra, DC 6871)
  • 1958: Un poco 'e sentimento/Faciteme nu poco chiagnere (Cetra, DC 6872)
  • 1958: È stato il vento/Joe Mitraglia (Cetra, DC 6873)
  • 1958: Calypso melody/Joe Mitraglia (Cetra, DC 6874)
  • 1958: Maistrale/Tuppe tuppe mariscià (Cetra, DC 6930)
  • 1958: Sincerità/Voglio a tte (Cetra, DC 6931)
  • 1958: 'O calyppese napulitano/Pecché se canta a Napule (Cetra, DC 6932)
  • 1958: Guardandoci/Sì, così sei sempre tu (Cetra, DC 6989)
  • 1958: Con te per l'eternità/Gelusia... malatia (Cetra, DC 6991)
  • 1958: La donna di Marzo/Rock calypso (Cetra, DC 6992)
  • 1958: Per credere nel mondo/Ich liebe dich (Cetra, DC 6993)
  • 1958: Dominique/Autunno (con Erminio Macario) (Cetra, DC 6988)
  • 1958: È molto facile...dirsi addio/Ho disegnato un cuore (Cetra, AC 3329)

45 giri[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 1957: 5º Festival della Canzone napoletana (Cetra, EP 0595)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ GR1 Rai 6 febbraio 2015
  2. ^ a b Il Manifesto, 7 feb 2015, Stefano Crippa

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Autori Vari (a cura di Gino Castaldo), Dizionario della canzone italiana, edizioni Curcio, 1990; alla voce Del Frate, Marisa

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN233347487 · SBN: IT\ICCU\TO0V\572872