Marion Gräfin Dönhoff

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Marion Gräfin Dönhoff

Marion Gräfin Dönhoff (Schloss Friedrichstein, 2 dicembre 1909Friesenhagen, 11 marzo 2002) è stata una giornalista e saggista tedesca.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata in una famiglia aristocratica appartenente all'antica nobiltà prussiana, studiò all'università di Basilea, ottennendo un dottorato in economia.[1] Di idee liberali e socialiste, fu una strenua opposistrice del Nazismo, contribuendo all'ideazione dell'attentato a Hitler del 20 luglio 1944.[1] Nel dopoguerra emerse come una delle personalità più autorevoli del giornalismo della Germania Ovest, diventando una delle voci di punta del Die Zeit, di cui fu anche direttore ed editore.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c John Sandford, Dönhoff, Marion Gräfin, in Encyclopedia of Contemporary German Culture, Routledge, 2013, ISBN 1136816100.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN93679999 · ISNI (EN0000 0001 2103 1234 · LCCN (ENn82082909 · GND (DE118680056 · BNF (FRcb120331707 (data) · NLA (EN35884195 · CERL cnp01295499 · NDL (ENJA00520994 · WorldCat Identities (ENlccn-n82082909