Mario Raffaelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mario Raffaelli
Mario Raffaelli.jpg
Mario Raffaelli a Trento nel 2011 nella veste di presidente di AMREF Italia.

Deputato della Repubblica Italiana
Durata mandato 20 giugno 1979 –
14 aprile 1994
Legislature VIII, IX, X, XI
Gruppo
parlamentare
Socialista
Coalizione Pentapartito
Collegio Trento
Incarichi parlamentari
  • Segretario della III Commissione (Esteri) dal 17 giugno 1992 al 14 aprile 1994
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Azione (dal 2019)
In precedenza:
PSI (1979-1994)
Indipendente (1994-2019)
Titolo di studio Licenza media superiore
Professione Impiegato

Mario Raffaelli (Trento, 15 maggio 1946) è un politico italiano, deputato del Partito Socialista Italiano dal 1979 al 1994 e più volte sottosegretario.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Trento nel 1946, è stato deputato nella VIII, IX, X e XI legislatura (1979 - 1994). Fra il 1982 e il 1983 è stato Sottosegretario alla Sanità del Governo Fanfani V. Fra il 1983 e il 1989 è stato Sottosegretario agli Affari Esteri dei governi Craxi I e II, Goria e De Mita.[1]

Fra il 1990 e il 1992 ha rappresentato il governo italiano nelle trattative che hanno portato agli Accordi di pace di Roma fra governo del Mozambico e Resistência Nacional Moçambicana. Tra gli altri incarichi, si conta anche quello di presidente della Conferenza di pace per il Nagorno-Karabakh (1992 - 1993), la regione caucasica oggetto di contesa tra Armenia e Azerbaigian.[2] Dal 2003 al 2008 è stato inviato speciale del Governo per il Corno d'Africa.

Dal 2010 è presidente di AMREF Italia.[3]

Incarichi governativi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I Ministri degli Esteri della Repubblica, Ministero degli Affari Esteri. URL consultato il 23 agosto 2011.
  2. ^ http://www.oltreradio.it/africast/raffaelli-mio-mal-dafrica
  3. ^ Raffaelli, un ex diplomatico per Amref, Famiglia Cristiana, 11 maggio 2010. URL consultato il 23 agosto 2011 (archiviato dall'url originale il 9 luglio 2020).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]