Mario Milano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mario Milano
arcivescovo della Chiesa cattolica
Coat of arms of Mario Milano.svg
Cum Maria Mater Jesu, cum Petro et sub Petro
Titolo Aversa
Titolo personale di arcivescovo
Incarichi attuali Vescovo emerito di Aversa
Incarichi ricoperti Arcivescovo di Sant'Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia
Nato 23 aprile 1936 (81 anni) a Lamezia Terme
Ordinato presbitero 3 luglio 1960
Nominato arcivescovo 14 dicembre 1989 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato arcivescovo 6 gennaio 1990 da papa Giovanni Paolo II

Mario Milano (Lamezia Terme, 23 aprile 1936) è un arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Eletto arcivescovo di Sant'Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia il 14 dicembre 1989, ricevette l'ordinazione episcopale il 6 gennaio 1990 da papa Giovanni Paolo II, co-consacranti gli arcivescovi Giovanni Battista Re e Miroslav Stefan Marusyn. Negli anni di permanenza nell'arcidiocesi irpina furono riaperte o ricostruite numerose chiese e strutture diocesane che erano state danneggiate dal violento terremoto del 1980.

Il 28 febbraio 1998 fu trasferito alla più popolosa diocesi di Aversa, conservando il titolo personale di arcivescovo. In un territorio segnato da gravi problemi di criminalità, il suo episcopato si è contraddistinto per la celebrazione del congresso eucaristico e del sinodo diocesano.

Non sono tuttavia mancati episodi controversi, che hanno attratto l'attenzione della stampa sul suo operato, ritenuto "troppo morbido nei confronti della camorra".[1] Tra questi, il diniego ad avviare il processo diocesano per la beatificazione di don Peppino Diana, sacerdote della diocesi di Aversa ucciso in un attentato camorristico a Casal di Principe nel 1994.[2] Milano, nel 2007, vietò la presentazione de Il costo della memoria, una biografia sul sacerdote edita dalle Edizioni Paoline che stigmatizzava la ritrosia della diocesi a indicare la matrice camorristica dell'omicidio, e cancellò l'intervento del vescovo di Caserta Raffaele Nogaro, amico d'infanzia di Diana, alla manifestazione "Io c'ero", dedicata alla memoria del presbitero.[2]

In occasione dell'intitolazione di un centro pastorale a San Cipriano d'Aversa dedicato all'imprenditore Dante Passarelli, morto mentre era sotto processo per camorra, il presule dichiarò alla stampa "Se Passarelli ha sbagliato a noi non interessa, noi dobbiamo amare ancor più chi sbaglia"[3] salvo poi chiedere la rimozione della targa di intitolazione.[4]

Nel 2008 alcuni commentatori stigmatizzarono la mancata presa di posizione del vescovo nei confronti di un sacerdote arrestato di pedofilia e successivamente condannato.[3] Analogamente, suscitò malumori la soppressione di iniziative pastorali destinate a omosessuali, a genitori di disabili e tossicodipendenti e a giovani in crisi.[2]

Grandi polemiche derivarono anche dall'ingiunzione di sfratto e dalla minaccia di secolarizzazione per le anziane monache di clausura del convento delle Cappuccinelle di Aversa[1], senza che vi fosse ragione alcuna, a detta dell'ex badessa che fu intervistata dalla trasmissione televisiva Mi manda Raitre.[senza fonte]

Il 14 dicembre 2010, pochi mesi prima del compimento del 75º anno d'età, ha annunciato le dimissioni dall'ufficio di vescovo di Aversa per motivi di salute, sebbene alcuni organi di stampa abbiano ricondotto tale annuncio a pressioni provenienti dal Vaticano.[5] Il 15 gennaio 2011 papa Benedetto XVI ha nominato suo successore Angelo Spinillo trasferendolo dalla diocesi di Teggiano-Policastro. Da arcivescovo emerito ha fissato il suo domicilio a Frattamaggiore in una casa canonica della basilica di San Sossio.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Suore sfrattate dal convento del '600 Ma è giallo sull'ordine di sgombero, in Corriere del Mezzogiorno, 12 maggio 2010. URL consultato il 12 gennaio 2015.
  2. ^ a b c La morale degli altri, su viaggionelsilenzio.ilcannocchiale.it. URL consultato il 12 gennaio 2015.
  3. ^ a b Prete di Aversa condannato per pedofilia. Ma il vescovo continua a tacere, in Agenzia Adista, 24 marzo 2009. URL consultato il 12 gennaio 2015.
  4. ^ Brevi, in La Repubblica, 20 dicembre 2006. URL consultato il 12 gennaio 2015.
  5. ^ Salvatore Pizzo, L'Arcivescovo di Aversa dimesso o dimissionario?, in Corriere di Aversa e Giugliano, 30 dicembre 2010. URL consultato il 2 ottobre 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Arcivescovo di Sant'Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia Successore Archbishop CoA PioM.svg
Antonio Nuzzi 14 dicembre 1989 - 28 febbraio 1998 Salvatore Nunnari
Predecessore Vescovo di Aversa
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Lorenzo Chiarinelli 28 febbraio 1998 - 15 gennaio 2011 Angelo Spinillo