Mario Leoncini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mario Leoncini premia Fabiano Caruana, vincitore del 70º Campionato Italiano Assoluto. Siena, 4 dicembre 2010.

Mario Leoncini (San Gimignano, 1º luglio 1956) è uno scacchista e scrittore italiano.

Attività agonistica[modifica | modifica wikitesto]

Esperto di storia degli scacchi, è maestro nazionale dal 1992. Nel 2005 fu tra i protagonisti della scalata alla serie Master della Mens Sana Siena, nel Campionato italiano a squadre. Esperto di scacchi eterodossi ha vinto per sette volte il campionato italiano di scacchi progressivi (1977, 1978, 1979, 1981, 1985, 1990, 1991) e un'olimpiade della specialità (1988).

Eletto nel consiglio nazionale della Federazione Scacchistica Italiana nel 1996, dal 2003 ha ricoperto la carica di vicepresidente e dal 2005 al 2012 quella di vicepresidente vicario. Il 30 settembre 2012 è stato eletto presidente del Comitato Regionale Toscano. Il 2 ottobre 2016 ha ottenuto la fiducia per un nuovo mandato.

Scrittore[modifica | modifica wikitesto]

Tra i suoi scritti, non relativi agli scacchi, i romanzi Norag (1990), i Ribelli di Umaearth (1991), secondo classificato al premio Italia, (Courmayeur, Italcon 1992) e Diario d'estate (2011). In ambito letterario fondò e diresse L'Eterno Adamo dal 1989 al 1991, terza classificata al premio Italia nel settore fanzine nel 1991 e 1992.

Divulgatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha collaborato con quotidiani (dal 1989 al 1991 ha tenuto una rubrica sulla Gazzetta di Siena) e con numerose riviste con articoli o rubriche fisse (Arci Dama Scacchi, Contromossa, Due Alfieri, Eteroscacco, Torre & Cavallo). Nel 1978 fondò la rivista Eteroscacco che diresse fino a tutto il 1979, dal 2007 al 2012 è stato direttore di Scacchitalia, la rivista della Federazione Scacchistica Italiana. Attualmente collabora al bimestrale sportivo SPQeR.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Coni. Stella di bronzo al merito sportivo (Dirigenti 2016) - nastrino per uniforme ordinaria Coni. Stella di bronzo al merito sportivo (Dirigenti 2016)

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Manuale di scacchi eterodossi (con Roberto Magari), Tip. Senese, 1980
  • Fondamenti di scacchi progressivi (con Giuseppe Dipilato), Macerata, Aise, 1987
  • Norag, The Dark Side, 1990
  • I ribelli di Umaearth, Chieti, Solfanelli, 1991
  • All'ombra della Torre, scacco al Re, Tip. Senese, 1993
  • Aneddoti di scacchi, Brescia, Messaggerie Scacchistiche, 2003
  • Elementi di strategia negli scacchi, Milano, Phasar, 2004
  • Partita a scacchi con il morto (con Fabio Lotti), Roma, Prisma, 2004
  • Sacrifici tattico-strategici nella Siciliana (con Fabio Lotti), Roma, Prisma, 2004
  • Re di scacchi (con Fabio Fox Gariani e Diego Vega), Franco Maria Ricci, 2005
  • Gli scacchi nelle biblioteche di Siena e provincia, Selecta, Quinto Vicentino, 2005
  • Chi ha ucciso il campione del mondo? / Scacchi e crimine (con Fabio Lotti), Roma, Prisma, 2005
  • A ladro! Storie dal mondo degli scacchi, Roma, Caissa Italia, 2005
  • La diabolica setta di Caissa / Scacchi e sesso (con Fabio Lotti), Roma, Prisma, 2006
  • Scacchi da leggere, Lulu, 2007
  • Scacchi di Re Artù, Milano, Fratelli Fabbri, 2007
  • Il libro degli scacchi, Lulu, 2007
  • Matto in due!, Lulu, 2008
  • Scaccopoli. Le mani della politica sugli scacchi, Firenze, Phasar, 2008
  • Gialloscacchi. Racconti di sangue e di mistero (curato con Fabio Lotti e con racconti di Andrea Angiolino, Pelagio D'Afro, Gordiano Lupi, Mauro Smocovich, Elena Vesnaver e altri), Verona, Ediscere, 2008
  • Giocare a scacchi non è difficile, Milano, ilmiolibroi, 2010
  • Antiche testimonianze degli scacchi in Toscana (secc. XI-XIV), Lulu, 2010
  • Natura simbolica del gioco degli scacchi, 2010
  • Diario d'estate, Milano, Ilmiolibro, 2011
  • Arcaiche figure a Vico Pancellorum, Napoli, Autorinediti, 2011
  • Ottocento anni di scacchi a Siena, Milano, Ilmiolibro, 2012
  • L'Italia a scacchi. Guida turistica ai luoghi degli scacchi (con Roberto Cassano), Bologna, Le Due Torri, 2014

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN56375276 · ISNI (EN0000 0000 4692 1391