Mario Facchin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mario Facchin
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Federazione Italia Italia
Sezione Udine
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1977-1980
1980-1984
Serie B
Serie A e B
Arbitro
Arbitro
Premi
Anno Premio
????
????
????
Seminatore d'oro (Serie C)
Guerin Sportivo (Serie C)
Guerin Sportivo (Serie B)

Mario Facchin (San Giorgio di Nogaro, 9 aprile 1943) è un ex arbitro di calcio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver praticato diversi sport ha iniziato la carriera arbitrale e il 18 gennaio 1980 ha esordito in serie A nella gara Bologna-Catanzaro. In massima serie ha diretto in totale 7 gare[1], venendo premiato come miglior esordiente con il Premio Florindo Longagnani a Modena nel 1981.

In serie C ha vinto il Seminatore d'oro e il Guerin Sportivo.
In serie B ha vinto il premio Guerin Sportivo quale miglior arbitro.

Ha interrotto la carriera a causa di una ferita causata da moneta lanciata dalle curve, nella gara Reggiana-Catanzaro di Coppa Italia, che lo ha costretto a lasciare l'arbitraggio a causa della lesione ad uno degli occhi.
È stato per dieci anni presidente della sezione arbitri di Udine, ed è stato consigliere nazionale dei veterani dello sport.

Attualmente è incaricato, dai veterani dello sport, di seguire l'andamento dell'Associazione Veterani nel Lazio.

È l'unico arbitro italiano che in 4 domeniche dal C2 è arrivato in serie A.[senza fonte] Ha viaggiato moltissimo all'estero e si ricorda la qualificazione della Coppa del Mondo del 1982.

Nell'A.I.A. figura ancora tesserato presso la sezione di Udine.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]