Mario Cucinella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mario Cucinella durante un seminario nel 2013.

Mario Cucinella (Palermo, 29 agosto 1960) è un architetto e designer italiano.

Nel 2009 ha vinto il premio MIPIM (Marché International des Professionnels d'Immobilier) nella categoria green building con il Centre for Sustainable Energy Technologies (CSET). Due anni dopo, nel 2011 vince di nuovo il prestigioso premio nella stessa categoria con la sede centrale italiana della 3M.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si laurea a Genova con Giancarlo De Carlo nel 1987. Dal 1987 al 1992 lavora nello studio di Renzo Piano a Genova e a Parigi, come responsabile di progetto[2]. Nel 1992 fonda Mario Cucinella Architects (MCA) a Parigi e nel 1999 a Bologna[3]. Dal 1998 insegna in vari atenei (Facoltà di Architettura di Ferrara, Università di Nottingham, IED di Torino, Università Federico II di Napoli)[4].

È direttore del comitato scientifico di PLEA (Passive and Low Energy Architecture)[5]. Nel 2015 il Royal Institute of British Architects (RIBA) gli conferisce un'International Fellowship per l'anno 2016[6].

Nel 2014 ha collaborato con Renzo Piano al progetto G124 per il recupero delle periferie in Italia[7]. Nel 2012, fonda Building Green Futures, un'organizzazione no-profit con l'obiettivo di diffondere un'architettura che garantisca dignità, qualità e performance nel rispetto dell'ambiente nei paesi in via di sviluppo[8].

Tra le sue realizzazioni più significative: il Centre for Sustainable Energy Technologies (CSET) di Ningbo[9], la sede della società 3M a Milano[10], il progetto per l'Agenzia regionale per l'Ambiente (ARPA) a Ferrara; il Nido d'infanzia di Guastalla, ispirato al ventre della balena di Pinocchio, e il Polo Universitario ad Aosta, l'edificio One Airport Square ad Accra[11], la nuova sede delle Poste e Telecomunicazioni ARPT di Algeri[12], il Centro Universitario Ospedaliero sempre ad Algeri, il Polo Chirurgico per l'Ospedale San Raffaele di Milano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ MIPIM Awards 2011 winners (PDF) [collegamento interrotto], su www.mipimawards.com. URL consultato il 15 dicembre 2015.
  2. ^ Mario Cucinella per cinque anni nello studio di Renzo Piano a Genova, su archimagazine.com.
  3. ^ Fonda Mario Cucinella Architects (MCA)
  4. ^ Attività didattica
  5. ^ PLEA Passive Low Energy Architecture Directors Archiviato il 18 dicembre 2015 in Internet Archive.
  6. ^ Riba International Fellowship 2016, su architecture.com.
  7. ^ Tutor progetto G124, su renzopianog124.com.
  8. ^ BGF, su buildingreenfutures.org.
  9. ^ CSET, su arch2o.com.
  10. ^ 3M, su divisare.com.
  11. ^ One Airport Square, su lastampa.it.
  12. ^ ARPT Algeri, su arketipomagazine.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Maurizio Vitta e M. J. Anderson, Mario Cucinella. Space and light-Lo spazio e la luce, Milano, L'Arca, 1998, ISBN 8878380571.
  • Anna Giorgi, Mario Cucinella, Edil Stampa, 2006, ISBN 8878640239.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Cucinella, Works at MCA. Buildings and projects, Bologna, Centauro, 2004, ISBN 8885980414.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN50070890 · ISNI (EN0000 0000 8228 4959 · SBN IT\ICCU\MILV\224373 · LCCN (ENnr00002751 · GND (DE120996529 · ULAN (EN500231748