Mario Bracci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mario Bracci (Siena, 12 febbraio 190015 maggio 1959) è stato un giurista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Docente di Diritto pubblico nell'Università di Siena, di cui è stato rettore dal 1944 al 1955, il primo dopo la Liberazione, è stato una delle figure più eminenti della cultura laica e socialista nell'Italia del secondo dopoguerra. Membro della Consulta nazionale, fu Ministro del commercio con l'estero del governo De Gasperi I, dal 20 febbraio al 1º luglio 1946.
Fu giudice della Corte costituzionale dal 1955 fino alla morte.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Giudice costituzionale»
— 5 giugno 1956[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Vivarelli, La generazione di Mario Bracci, in Mario Bracci nel centenario della nascita, a cura di A. Cardini e G. Grottanelli de' Santi, il Mulino, Bologna 2001.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN5858095 · ISNI (EN0000 0000 8353 4534 · SBN IT\ICCU\RAVV\047553 · LCCN (ENn81072389 · WorldCat Identities (ENlccn-n81072389