Mario Albertarelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Mario Albertarelli (Torino, 13 settembre 1933Milano, 20 giugno 1997) è stato un giornalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Padre del noto autore di giochi Spartaco Albertarelli, Albertarelli ha vissuto fra Torino, Cesena e la Valle d'Aosta, fino a quando negli anni Sessanta si trasferì a Milano.

A vent'anni intraprese la carriera di giornalista. Fu dapprima cronista di nera e poi inviato per alcuni quotidiani nazionali. In seguito, le sue passioni per le scienze naturali lo spinsero verso i periodici nei quali poteva meglio condurre grandi inchieste sul dissesto ambientale, che egli stesso illustrava con le proprie fotografie. L'ultimo periodico per cui ha lavorato è stato Natura Oggi.

Cominciò a pescare da giovane insieme a un gruppo capeggiato da un suo zio, barba Giacu, che per primo gli insegnò a maneggiare una canna da pesca. Ha scritto numerosi volumi sulla pesca sportiva tra i quali il libro L'amo e la lenza un'autobiografia in riva ai fiumi italiani[1].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

L'amo e la lenza, Milano, Mondadori, 1975

Storie di pesca, Milano, Mondadori, 1980

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

A pesca col professore, Milano, Mondadori, 1977 (con Ettore Grimaldi )

Manuali[modifica | modifica wikitesto]

Guida pratica alla pesca, Milano, De Vecchi, 1965

Enciclopedia pratica del pescatore, Milano, De Vecchi, 1967

A pesca coi campioni, Milano, Mondadori, 1971

La pesca nel fiume, nel torrente e nel lago, Milano, De Vecchi 1979

Guida alla pesca d'acqua dolce (Riedizione con altro titolo e nuova veste grafica di A pesca coi campioni), Milano, Mondadori, 1980

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'amo e la lenza è un testo che si può scaricare gratuitamente via Internet dal sito dell'Associazione Mario Albertarelli grazie alla disponibilità della famiglia dello scrittore

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN31111310 · ISNI (EN0000 0000 3088 8662 · LCCN (ENn88619357