Mario Agnes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mario Agnes (Serino, 6 dicembre 1931) è un giornalista italiano, fratello di Biagio (ex direttore generale della RAI).

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stato docente di Storia del cristianesimo presso le università di Cassino e Roma La Sapienza.[1]

Dal 1973 al 1980 è stato presidente nazionale dell'Azione cattolica italiana.[1]

Nel 1976 Papa Paolo VI lo chiama « a presiedere la NEI (Nuova Editoriale Italiana), società editrice del quotidiano cattolico Avvenire.[1]

È stato consigliere comunale di Roma come indipendente nella Democrazia Cristiana. In tale partito ha fatto parte dei sette garanti che dovevano presentare delle norme per decidere sul comportamento degli iscritti al partito appartenenti alla P2.[2]

Il 1º settembre 1984 Papa Giovanni Paolo II lo nomina direttore dell'Osservatore Romano,[2] incarico che manterrà fino all'ottobre del 2007, quando va in pensione e viene sostituito da Giovanni Maria Vian. Nel 2007 viene nominato da Benedetto XVI «direttore ad honorem».

Nel gennaio 2006 gli viene conferito il titolo di «Ambasciatore di Roma» per la sezione comunicazione.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Chi è, vol. I, p. 9.
  2. ^ a b Chi è, vol. I, p. 10.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luciano Filippi (a cura di), Chi è. Mille nomi dell'Italia che conta (2 voll.), Editoriale L'Espresso, Milano 1986.
  • L'Azione Cattolica in Italia - Storia identità missione (Prefazione di Michele Zappella) - Sangermano edizioni (1986)
Predecessore Presidente nazionale dell'Azione Cattolica Italiana Successore AzioneCattolica.png
Vittorio Bachelet
(1964-1973)
(1973-1980) Alberto Monticone
(1980-1986)
Predecessore Direttore dell'Osservatore Romano Successore
Valerio Volpini 1º settembre 1984 - 27 ottobre 2007 Giovanni Maria Vian
Controllo di autorità VIAF: (EN72762724 · LCCN: (ENn83033447 · SBN: IT\ICCU\CFIV\067844